Manaus (Brasile). Dal 4 agosto 2022, suor Maria Carmelita de Lima Conceição, Ispettrice dell’Ispettoria (BRM), è ufficialmente una delle Vicepresidenti della Rete Ecclesiale Panamazzonica (REPAM), la Rete dei Vescovi che coordina l’attività di Diocesi, Congregazioni religiose, Associazioni e ONG cattoliche nella regione amazzonica.

Dopo un intenso processo di consultazione svoltosi nei mesi di maggio e giugno 2022, la Presidenza REPAM, presieduta dal Card. Pedro Barreto, il 19 luglio 2022 si è riunita virtualmente con i Presidenti delle Organizzazioni fondatrici della Rete, per definire la nuova Presidenza.

Mons. Rafael Cob García, Vescovo del Vicariato di Puyo (Ecuador), già vicepresidente, è stato nominato nuovo Presidente della Rete. È stata inoltre approvata una nuova configurazione, con tre Vicepresidenti, due dei quali donne: suor María Carmelita de Lima Conceição, FMA, l’indigena peruviana Yessica Patiachi e Mons. David Martinez de Aguirre, Vescovo del Vicariato di Puerto Maldonado, in Perù.

Suor María Carmelita ha collaborato nel Consiglio di Amministrazione della Conferenza dei Religiosi del Brasile – Regional Amazonas/Roraima durante il triennio 2009-2012. Nel 2019 ha partecipato al Sinodo dell’Amazzonia come uditrice e nel 2021 è stata nominata Consigliera della Presidenza di REPAM.

Intervistata, ha espresso la gioia per il riconoscimento dei ruoli di leadership femminili nella società e nella Chiesa, in particolare in merito all’identità propria della REPAM, quale rete che si affianca ad altre reti che si concentrano sull’evangelizzazione dell’Amazzonia e sulla difesa della vita.

La nuova composizione della Presidenza – secondo suor Carmelita – evidenzia che “cerchiamo di costruire una Chiesa dal volto amazzonico che superi le frontiere, un modo per dare valore ad ogni presenza, nella rappresentazione dei popoli nativi, della vita consacrata e della testimonianza pastorale di Mons. Rafael Cob e di Mons. David Martínez, entrambi con una vasta esperienza fin dalle origini della REPAM” (Fonte: REPAM).

A suor Carmelita l’augurio di essere, in questa nuova chiamata, profezia di presenza per le popolazioni dell’Amazzonia, testimoniando la bellezza del carisma salesiano al femminile, caratterizzato da una proposta educativa integrale che coinvolge persone, istituzioni e ambienti, mettendo in sinergia risorse e competenze, per essere generative di vita nuova.

“Apprezziamo la funzione della donna, riconoscendo il suo ruolo fondamentale nella formazione e nella continuità delle culture, nella spiritualità, nelle comunità e nelle famiglie. È necessario che ella assuma con maggiore forza la sua leadership in seno alla Chiesa e che la Chiesa riconosca ciò e lo promuova, rafforzando la sua partecipazione nei consigli pastorali delle parrocchie e delle diocesi, come anche nelle istanze di governo” (Documento finale del Sinodo dell’Amazzonia, 101).

2 COMMENTI

  1. siamo felici per questa nuova responsabilitá della nostra Ispettrice in questa Grande e immansa Amazonia con tanti problemi e sfide , Maria la benedica in questo nuovo cammino Lei va davanti e aiterá tutto il gruppo a difendere i diritti dei nostri fratelli specialmente i gruppi indigeni Parabens Maria te guie..

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.