Tokyo (Giappone). Il 3 novembre 2021, in cui in Giappone si celebra la Festa Nazionale della Cultura, alcuni membri dell’Associazione VIDES Japan e alcune Figlie di Maria Ausiliatrice dell’Ispettoria Alma Mater (GIA) hanno collaborato con l’ONG di volontariato Amigos, che si occupa principalmente dei rifugiati, alla 62a Giornata di consulti medici, legali, psicologici, organizzata presso il Centro parrocchiale di Yotsuya (Tokyo).

L’iniziativa aveva lo scopo di accogliere persone che hanno un permesso di permanenza provvisorio in Giappone, oppure rifugiati che hanno presentato la domanda per il visto, ma non hanno ancora ricevuto il permesso di soggiorno che, per la loro condizione, non possono avere un lavoro, ricevere assistenza medica e usufruire di altri servizi.

Il VIDES Japan ha cominciato la collaborazione con l’ONG Amigos in tempo di pandemia, per contribuire ad alleviare la sofferenza e la povertà causate dal Covid-19. Per questa iniziativa, 24 membri del VIDES hanno lavorato in sinergia con i volontari di Amigos e di altre due ONG.

Alla Giornata hanno partecipato circa 150 persone di diverse nazionalità, che hanno potuto ricevere gratuitamente una visita medica e, per ulteriori analisi, interventi chirurgici o visite più approfondite, sono stati indirizzati agli ospedali che offrono assistenza gratuita per loro.

Alcuni volontari si sono prestati come interpreti per le diverse lingue: inglese, francese, birmano, persiano, spagnolo, ecc. Tanti rifugiati, infatti, non conoscono la lingua giapponese se non per i bisogni più elementari.

I volontari VIDES e le Figlie di Maria Ausiliatrice hanno contribuito principalmente procurando il cibo e cucinando il pranzo per i partecipanti, con la distribuzione di indumenti e viveri, e con l’assistenza ai numerosi bambini presenti.

La collaborazione tra le Associazioni è stata dinamica e mirata: l’organizzazione ha infatti previsto due incontri, precedenti alla Giornata, in cui i volontari sono stati preparati per andare incontro alle molteplici necessità ed è stato anche pensato un menù differenziato per le diverse esigenze culturali e religiose.

Nel saluto finale, il responsabile dell’ONG Amigos, diacono permanente cattolico, ha sottolineato che la Giornata era terminata ma che, allo stesso tempo, per tutti coloro che hanno collaborato incominciava veramente. Con queste parole ha voluto incoraggiare la continuità sia negli aiuti materiali, che nell’interesse e nell’attenzione verso le persone rifugiate, che non sempre vivono in condizioni dignitose.

Ha ringraziato in particolare l’associazione VIDES Japan dicendo: “Attraverso le attività realizzate con voi, con le suore e i membri della parrocchia, mi è sembrato di tornare all’azione di Gesù”. Inoltre ha detto: “Anche se incontriamo molte difficoltà, abbiamo la certezza del sostegno della Sua Parola. Con questa, vogliamo a nostra volta diventare sostegno dei più deboli”.

Pur con la stanchezza dovuta a un impegno intenso, i volontari di VIDES Japan hanno sperimentato la gioia di toccare con mano che cosa significhi aiutare i poveri e gli esclusi di cui si sente spesso parlare, ma che non sempre si incontrano nella vita quotidiana.

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.