Los Andes (Cile). Il 14 luglio 2022, nella palestra del Collegio Maria Ausiliatrice di Los Andes, si è svolta la cerimonia di assegnazione di 44 riconoscimenti “Andino/a Illustre” per l’anno 2022 a uomini, donne, istituzioni che si sono distinti nelle diverse categorie: giovani, sport, istituzioni, educazione, salute, solidarietà, comunicazione e altre.

Nella categoria delle Istituzioni, l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, che celebra il 150° anniversario della Fondazione, ha ricevuto dal Sindaco e dal Consiglio comunale, presente al completo, il riconoscimento “Andine Illustri” per il contributo all’educazione delle giovani andine.

Suor Ximena Oyarzo Mansilla, Ispettrice dell’Ispettoria S. Gabriele Arcangelo (CIL), insieme a suor Cecilia Poblete Palacios, Ex allieva e Coordinatrice dell’Area Scuola a livello nazionale, e alla Sig.ra Alejandra Contreras, Rappresentante Legale del Collegio Maria Ausiliatrice di Los Andes, sono salite sul palco per ricevere il Premio.

Nel corso della stessa celebrazione, la Sig.ra Julia Barbero Cerutti, Ex allieva del Collegio Maria Ausiliatrice, ha ricevuto, a 100 anni compiuti, il riconoscimento di “Andina Illustre” per la sua partecipazione ad attività nell’ambito della solidarietà e per l’impegno nel volontariato della Croce Rossa di Los Andes.

L’evento si inserisce nel mese dedicato alla città di Los Andes, fondata il 31 luglio 1791, di cui uno dei momenti comunitari più importanti, tra le varie iniziative organizzate lungo tutto luglio, è questo riconoscimento alle persone, delle istituzioni, delle agenzie educative, che si sono distinte per aver contribuito in diversi modi al bene comune.

I riconoscimenti all’Istituto delle FMA, nel 150° di Fondazione, sono profezia di presenza significativa, operosa e coraggiosa delle Figlie di Maria Ausiliatrice nelle diverse realtà dei cinque continenti, chiamate oggi a “ravvivare il fuoco” delle origini per continuare a “essere segno dell’amore preveniente nel mondo e nella Chiesa, ‘ausiliatrici’ della vita, custodi della gioia e della speranza”.

“Il fuoco dell’appartenenza al Signore e della chiamata alla vita salesiana, il fuoco della passione carismatica che ci rende comunità generative nel servizio ai giovani e ai poveri, ha reso possibile l’espansione del nostro Istituto nel mondo intero” (Madre Chiara Cazzuola, Circolare n°1014).

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.