Johannesburg (Sud Africa) La situazione di lockdown dovuta al Coronavirus si fa sempre più complessa per il fatto che le persone sono senza lavoro e quindi senza cibo. Le Figlie di Maria Ausiliatrice della Comunità Beata Laura Vicuña di Ennerdale – Johannesburg, dell’Ispettoria Nostra Signora della Pace (AFM), portano un po’ di speranza ai poveri attraverso un programma di aiuti concreti.

Gli alunni del Centri nell’ambito del Don Bosco Educational Projects, della Scuola Primaria Laura Vicuña e della Scuola dell’Infanzia Santa Maria del Centro di Sviluppo di Finetown sono fra i più poveri. I bambini provengono principalmente da insediamenti informali e da campi per occupanti abusivi. Il 70% è costituito da migranti provenienti dai paesi vicini e il 30% da cittadini sudafricani che non hanno i documenti. Prima della pandemia di Covid-19, i genitori di questi bambini non avevano un lavoro fisso e lavoravano solo saltuariamente. Il lockdown ha impedito loro persino di cercare “rifiuti” nelle discariche, per ottenere qualche soldo e garantire alle loro famiglie il minimo indispensabile per vivere. La loro salute ne risente e questo stato porta anche a conseguenze psicologiche. A scuola i bambini mangiavano ogni giorno un pasto completo, ora non hanno neppure quello. Loro sono più vulnerabili viste le condizioni attuali.

Aiuti Coronavirus Sud Africa AFMGrazie alla Provvidenza giunta tramite alcuni benefattori, le FMA hanno potuto preparare pacchi alimentari e distribuirli tra il 22 e 25 maggio 2020, in occasione della Festa di Maria Ausiliatrice, alle famiglie più povere.

Gli alunni e i loro genitori erano molto felici per questo straordinario aiuto e hanno dimostrato la loro riconoscenza a suor Motselisi Maliehe e a suor Maria Nguyen per i pacchi alimentari ricevuti, che hanno permesso loro di tornare ad alimentare la speranza.

 

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.