Kyiv (Ucraina). Il 24 febbraio 2023, a un anno dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina e del conflitto ancora in corso, numerose sono state, in tutta Europa, le iniziative e le manifestazioni per implorare il dono della pace. Le Figlie di Maria Ausiliatrice delle Comunità della Visitatoria Madre di Dio (EEG) presenti a Odessa, Kyiv, Lviv, hanno vissuto con particolare intensità questa giornata, sostenute dalla preghiera di tutto l’Istituto.

Le sorelle presenti a Kyiv raccontano come hanno trascorso questi momenti, tra solidarietà alle persone e alle famiglie più colpite e preghiera con la Chiesa e la popolazione. Nei giorni precedenti, insieme ai volontari, hanno raccolto i viveri e altri beni, giunti grazie alla generosità di associazioni, organizzazioni umanitarie e benefattori e preparato dei pacchi per raggiungere le famiglie più bisognose, con tanti bambini e anziani, le persone sole e le famiglie dei militari caduti nel conflitto.

Il 24 febbraio, giorno di preghiera e digiuno per la pace in Ucraina, nel Santuario nazionale mariano della Madonna del Carmine a Berdychiv hanno partecipato alla veglia di preghiera organizzata dall’Episcopato della Chiesa cattolica latina ucraina, a cui erano presenti 14 tra Vescovi e Arcivescovi, tra cui il Nunzio Apostolico, Mons. Visvaldas Kulbokas. La veglia è iniziata con l’Adorazione eucaristica e la preghiera di tutti i Misteri del Rosario, con le meditazioni di quattro diversi Vescovi, conclusa con l’Affidamento al Cuore Immacolato di Maria di tutto il popolo d’Ucraina.

La Santa Messa è stata presieduta dal Nunzio Apostolico, che nell’omelia ha sottolineato il valore della preghiera e della fede, per essere uniti contro il male e chiedere insieme la pace e la protezione. Al Santuario sono giunti numerosi fedeli, religiose, volontari, per chiedere il dono della pace, nonostante il rischio di radunarsi in un luogo pubblico in un giorno particolarmente a rischio di attacchi: nonostante tutto, la Chiesa è viva, orante ed operante. I Vescovi hanno chiesto ai fedeli di fare, ogni mercoledì e venerdì di Quaresima, il digiuno a pane e acqua e la Comunità FMA di Kyiv ha accolto la richiesta come rinuncia quaresimale. La veglia si è conclusa con la recita della Coroncina alla Divina Misericordia.

Il 28 febbraio, la Comunità FMA, con i volontari e suor Małgorzata Pietruszczak, Superiora della Visitatoria EEG giunta per la Visita, si è recata nella regione di Bucha, per distribuire gli aiuti alla gente che ha sofferto tanto durante l’assedio da parte dell’esercito russo.

Il pullmino è stato caricato con pacchi di viveri da distribuire a 50 famiglie e altri beni ricevuti da diversi benefattori. Arrivati sul posto, il gruppo si è incontrato con il sindaco del comune, che ha raccontato le storia delle sofferenze del suo popolo e consegnato gli indirizzi delle persone che hanno subito più danni. Andando di casa in casa, le suore e i volontari hanno toccato sul vivo la sofferenza della gente.

Coloro che hanno avuto le case completamente distrutte, vivono in abitazioni modulari, e ammucchiano le macerie dei dintorni. “Quel che colpisce – dicono le suore – sono i cortili in ordine, puliti, ordinati, in attesa della primavera”.

Sono diverse le  vedove o le mamme in lutto dopo la morte di figli, mariti o fratelli. “Decine di famiglie che abbiamo incontrato hanno ringraziato, alcune hanno anche sorriso, ma ognuna di queste famiglie ha perso un marito, un figlio, un padre o è rimasta senza casa. O entrambe le cose”, osservano le FMA. Quel sorriso stupisce, soprattutto quando la richiesta è di non occuparsi di loro, ma di una vicina anziana e immobile che ha più bisogno di loro.

Negli occhi di tanti ci sono lacrime di dolore e nel cuore la gratitudine per quell’aiuto ricevuto. Le suore e i volontari tornano a Kyiv in un silenzio interrotto soltanto dalla preghiera, custodendo il dolore della gente e la speranza che la pace tanto desiderata possa tornare. La vita va avanti, perché Cristo vince il dolore, il peccato e la morte.

Le Figlie di Maria Ausiliatrice continuano la loro presenza tra la gente portando una piccola luce nel buio – un sorriso, una buona parola, la vicinanza – e il sostegno concreto, contando sulla generosità e sulla solidarietà di tutti. È possibile inviare contributi e offerte, nelle modalità indicate sul Sito web dell’Istituto FMA, designando nella causale Emergenza Ucraina.

6 COMMENTI

  1. Em oração pelo povo ucraniano, que enfrenta uma dor sem fim.
    Deus os abençoe e amenize o sofrimento de tanta gente.
    Paz na Ucrania!!!

  2. A UcrÂnia estácontinuamente presente na nossa mente e no nosso coração e nunca eixamos de pedir a Deus que suscite a paz a partir do coração de quem a pode decidir. Muito unidas ! Ir. Rosa Teixeira

  3. thank you for the update. I keep our fma and SDB in my prayers. May jesua be with you all and may Morher Mazzarello and don bosco continue bless you. I leave you in the handds of Jesus and Mary Sr. Kathleen Hanna FMA…salve Ukraine. from Ireland

  4. wonderful to hear the news of the brave heroic people of Ukraine. I remember you all in my prayers and ask Our Lady to cover you with her mantle.

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.