Fusagasugá (COL). Dall’8 al 10 ottobre nella casa Villa Maria, dell’ispettoria Nostra Signora del Rosario di Chiquinquirà, ha avuto luogo il 1° incontro interambiti sul tema: “Tavola rotonda, Chinca in comunione”, a cui hanno partecipato i rappresentanti delle 13 comunità dell’ispettoria, oltre a quelli dei collegi della Fondazione Educativa Don Bosco e del Collegio di Ensueño di Bogotà.

A questo incontro non solo hanno partecipato le FMA responsabili di ogni ambito a livello locale (educazione, comunicazione, pastorale, catechesi, amministrazione, Famiglia Salesiana), ma c’è stata anche una consistente presenza di laici con cui si condivide la missione educativa ed evangelizzatrice.

Si è trattato di un vera e propria tavola di scambio arricchita da gesti di fraternità, di semplicità e accoglienza, riflesso dell’unità di una Ispettoria che si sente pienamente Istituto e Chiesa, con il compito ineludibile di essere portatrice dell’amore di Dio, soprattutto ai giovani.

La sinergia ha contraddistinto le giornate nei momenti di preghiera, di riflessione e di socializzazione come Famiglia Salesiana Chinca e nel confronto si è scoperto di essere chiamati a un nuovo stile di comunione e di relazione reciproca per seguire il carisma salesiano, arricchendolo.

Questo nuovo stile caratterizzato dalla sinodalità, come richiesto da Papa Francesco e dal documento del Capitolo Generale XXIV, esige nuovi cammini di formazione e di animazione da portare avanti nelle opere. Sono state create, così, equipe per ogni ambito, che rafforzeranno e faciliteranno l’animazione dell’Ispettoria. Ognuna seguirà il proprio programma di azione per questo tempo, tenendo in considerazione la pianificazione che parte dal CGXXIII con le tre opzioni – trasformate dall’incontro, insieme ai giovani, missionarie di allegria e di speranza – e le sfide emerse da ogni comunità nella visita previa del Consiglio Ispettoriale. In tutto questo, è emersa quella che deve essere tutta la gestione degli ambiti: la formazione e la comunicazione in tutta l’ispettoria, che devono suscitare esperienze valide.

La tavola rotonda ha aperto cammini per allargare lo sguardo e riprendere con entusiasmo, fede e speranza, con l’impegno verso una formazione comune più incisiva, che coinvolga in pienezza la comunità educante: FMA, docenti, studenti, collaboratori, padri di famiglia e tutti coloro che condividono il carisma salesiano.

D’altro canto, quest’esperienza di comunione ha lasciato una fantastica sfida che è quella dell’Educomunicazione come fondamento di tutte le relazioni umane, capace di dare visibilità all’agire pastorale. L’augurio è che questo bellissimo incontro faccia in modo che la Chinca si sviluppi ulteriormente in un crescendo di comunione.

DEIXE UMA RESPOSTA

Por favor insira seu comentário!
Please enter your name here

Este site utiliza o Akismet para reduzir spam. Fica a saber como são processados os dados dos comentários.