San José (Costa Rica). Il 7 luglio 2024 si celebra il 46° anniversario della partenza per il Cielo della Beata suor Maria Romero Meneses (1902-1977), Figlia di Maria Ausiliatrice del Centro America che, come e con Maria Santissima, ha compiuto liberamente la Volontà di Dio.

“L’obbedienza trova realizzazione non in persone bloccate nella dipendenza, bensì in persone libere, capaci di sana autonomia e di decisione, che, con senso di responsabilità generano la parabola di comunione nella comunità” (Nei solchi dell’Alleanza. Progetto di formazione FMA, 2001, p. 155).

Come Maria Santissima che, a partire dalla sua piena esperienza dello Spirito Santo, è diventata liberamente ancella del Signore, strumento docile e creativo, mediazione della Grazia divina, perché “la Parola di Dio, impregnata di Spirito Santo, se accolta con cuore aperto, non lascia le cose come erano prima. Ispira i buoni propositi e sostiene l’azione, dandoci forza e serenità. Un buon cristiano deve essere obbediente, perché ascolta la Parola di Dio; creativo, perché ha lo Spirito Santo dentro di sé che lo spinge a fare, a realizzare” (Papa Francesco, Udienza 27 gennaio 2021).

Queste due dimensioni, la creatività e l’obbedienza, si integravano e si fondevano meravigliosamente nella Beata Maria Romero. Da un lato, godeva di un’intelligenza eccezionale, unita al suo talento di artista nella musica e nella pittura. Dall’altro lato, aveva lasciato agire in lei lo Spirito Santo, un’esperienza profonda di Dio che la spingeva in un costante dinamismo a uscire da se stessa per donarsi agli altri, secondo la Volontà di Dio, superando le tendenze all’autocommiserazione e alle pretese egoistiche.

Suor Maria Romero “ama di un amore che tocca le profondità del suo essere e lo accende e lo consuma come il ‘roveto ardente’ di Mosè: ama Dio e il prossimo in Lui e per Lui: ama e si abbandona totalmente all’azione vivificante dello Spirito Santo, energia santificante di Dio operante nella nostra vita, che ci trasforma” (Dalcerri Lina, in Scritti Spirituali, Vol. I).

Dalla sua esperienza mistica nasce, cresce, matura e si consolida in lei il desiderio di conversione dei peccatori, l’amore per i poveri, il desiderio che tutti portino nel cuore l’amore di Gesù e di Maria: la “fantasia della carità”, quella “capacità di immaginare modi di prendersi cura degli altri e il coraggio di avviare nuovi progetti che diano speranza agli scoraggiati e portino all’accoglienza degli esclusi” (Conesa Francisco, Vescovo di Minorca, 20 giugno 2020).

“Fate con libertà tutto ciò che richiede la carità! (L 35,3): l’eco delle parole di Madre Mazzarello prende forma nella fantasia della carità della Beata Maria Romero. In lei questa carità creativa era brillante, soprattutto nella prima metà del XX secolo: non si limitava al lavoro nella scuola, ma usciva, attraverso le sue missionarie, per andare di casa in casa a portare il Vangelo e aiuti materiali. Non si limitò solo all’oratorio della sua comunità, ma riuscì a fondare 36 oratori di periferia, in coordinamento con l’Arcivescovo e i parroci; propagò instancabilmente la devozione a Maria Ausiliatrice, aprì opere sociali…

“Desidero molte cose e le cose che desidero, le desidero molto, ma solo per la maggior gloria di Dio e la salvezza delle anime.  E queste cose le sottometto sempre all’obbedienza, ritenendo che, se non me le concede, la rinuncia sarà per il Signore di maggior gloria e per me di maggior bene.  Ma… le migliaia e migliaia di anime che corrono e corrono alla cieca nelle tenebre della morte… Ah, Madre Margherita!  Questa tentazione o pensiero non cessa di opprimere il mio cuore… Come comprendo nostro Padre [Don Bosco] nel suo grido: “Da mihi animas…” (Lettera a Madre Margarita Sobrero, 10 dicembre 1973).

«Sottometto ogni cosa all’obbedienza» era una costante della sua vita, del suo anelito di configurazione a Gesù Cristo, il Servo obbediente del Padre (cfr Fil 2,5-8). E questa configurazione non fu facile, sperimentò una profonda sofferenza, angoscia, crocifissione, morte: una direttrice le proibì di chiedere l’elemosina per gli oratori, un’altra la umiliava pubblicamente, un’ispettrice interruppe l’opera degli oratori di periferia, le proibì di dare l’acqua della Vergine e di ricevere le persone che venivano a cercarla… e non furono giorni, furono anni… La sofferenza più grande di suor Maria non era per lei, ma per il bene che non si poteva fare; fu la sua purificazione e fece esperienza che l’opera non era sua ma del Signore, e Lui non la lasciava mai sola.

Ma credetemi, al di sopra di tutto, e anche al di sopra del mio desiderio principale, per il quale e attorno al quale ruotano tutti gli altri, c’è la Sua Santa Volontà, che preferisco al Cielo stesso, perché preferisco, come diceva San Francesco di Sales, essere una zanzara per volontà di Dio e non un serafino per volontà mia; per questo alla fine delle mie ardenti suppliche concludo dicendo a Lui: “Ma non la mia volontà, ma la tua sia fatta, sia fatto di me secondo la tua parola, nelle tue mani affido il mio spirito” (Lettera a don Wenceslao Doležal, SDB, 21 novembre 1957).

Oggi, la Beata Maria Romero incoraggia a non cadere nella duplice tentazione di fronte ai sogni e ai progetti di bene: andare avanti con arroganza o rimanere stagnanti in una sottomissione mortale. Incoraggia a contemplare tutto nel mistero pasquale di Gesù Cristo, a ricordare a se stessi che le opere non sono proprie, sono del Signore, e a confidare totalmente e radicalmente in Maria Ausiliatrice.

“E sono sicurissima, anche per la mia lunga esperienza, che con l’aiuto della Vergine, autorizzata dall’obbedienza e da NIENTE PIÙ, tutto andrà bene; perché Lei, piuttosto, è colei che fa tutto!” (Lettera a Madre Pilar Letón, allora Ispettrice dell’America Centrale, 8 dicembre 1972).

3 COMMENTI

  1. Sono venuta a trovarti Madre Preziosa Stammi vicina e dirigi le mie azioni al Signore e alla Mamma Celeste Maria Ausiliatrice.🌿🙏🌺💖

  2. Grazie Signore,Maria Ausiliatrice,Spirito Santo per il dono grande,prezioso di suor Romero.A lei mi affido alla sua intercessione.

RISPONDI

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.