(Etiopia). Le FMA della Visitatoria “Maria Ausiliatrice” (AES), vivono l’Emergenza Covid-19, e sostengono le fasce più vulnerabili della popolazione sud sudanese.

Nelle Comunità della Visitatoria le FMA, i collaboratori, gli insegnanti, gli studenti, le famiglie, le donne sono coinvolti in diversi Progetti Covid-19, lavorano in unità, per raggiungere i più poveri e per alleviare le sofferenze delle famiglie e delle donne.

Il Sud Sudan, alla fine di marzo 2020, ha iniziato ad attuare misure di prevenzione a livello nazionale per ridurre al minimo la diffusione del COVID-19: sospensione dei raduni, chiusura di scuole, ecc. È difficile descrivere l’attuale situazione del COVID-19. I sintomi del coronavirus sono molto simili a quelli di malaria, tifo, polmonite e malattie dello stomaco che sono già molto comuni nel Paese.

La precarietà delle strutture sanitarie, delle condizioni e pratiche igieniche rendono più difficile combattere la pandemia. I bambini costretti a rimanere a casa non possono godere del pasto che di solito ricevono a scuola. Continuano i conflitti tribali in molti luoghi del Sud Sudan, la violenza colpisce molte famiglie e molte persone sono costrette a lasciare il paese.

Le FMA, vivono ogni giorno la missione di accompagnare le famiglie più vulnerabili, sostengono diversi Progetti Covid-19 a Juba, Wau e Tonj, a favore delle donne e dei ragazzi per aiutarli a superare situazioni di disagio e di sofferenza dovuti alla Pandemia.

A Juba continuano ad essere distribuiti cibo e latte alle donne che frequentano il Centro di Promozione Madre Mazzarello (circa 1.100 donne) e alle ragazze della scuola di alfabetizzazione che, già prima del lockdown, consumavano qui i pasti.

Si è costituita una Cooperativa che offre opportunità di lavoro per le famiglie, 80 donne lavorano giornalmente in tre reparti: sartoria-confezione di vestiti, agricoltura-allevamento di animali e ristorazione-pasticceria. I prodotti vengono poi venduti in stand allestiti nei pressi della scuola e della Chiesa.

A Tonj sin dall’inizio di maggio 2020 è stata lanciata la campagna “latte per bambini“, con la distribuzione di latte a più di 300 bambini sotto i 5 anni e alle madri che allattano ogni giorno. Le FMA promuovono l’educazione all’igiene personale, aiutando i bambini a lavarsi bene le mani prima di consumare il latte. La sensibilizzazione alla cura personale è anche un aiuto per ridurre il contagio da coronavirus.

A Wau si è intensificata la campagna di sensibilizzazione per prevenire il contagio. Si tengono conferenze sulla salute in generale e incontri di sensibilizzazione sul Covid-19 per i pazienti del Centro sanitario delle FMA. I pazienti vengono informati sulla situazione della pandemia, sulla diffusione del virus, sui sintomi e sulle misure di prevenzione. Il Centro Sanitario delle FMA è molto importante a Wau, assiste più di 300 pazienti ogni giorno. È stata ampliata l’area di attesa per i pazienti, per facilitare il distanziamento sociale durante la stagione delle piogge. Sono stati acquistati dal Kenia respiratori, schermi facciali, tute e camici usa e getta, occhiali medici, disinfettanti.

L’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice collabora nella missione a favore delle popolazioni in situazione di disagio, contando sulla generosità e la solidarietà di tutti.

È possibile inviare contributi e offerte nelle modalità indicate sul Sito web dell’Istituto FMA, indicando nella causale l’emergenza segnalata.

“Dio non si lascia vincere in generosità”
(Don Bosco – MB II,254)

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.