Città del Vaticano. Il 7 aprile si celebra la Giornata mondiale della Salute. È un’occasione per promuovere, a livello globale, la sensibilizzazione su argomenti sulla salute e per assicurare il diritto alla salute per tutte le persone.

L’epidemia globale di COVID-19 ha provato la resistenza fisica della persona e ha rivelato la fragilità dell’organismo umano. Ha anche influito sull’equilibrio psicologico delle persone. La preoccupazione per una malattia misteriosa e sconosciuta e un futuro sfuggente hanno portato paura, solitudine, abbandono. L’esperienza del lutto per i propri cari o per gli amici, senza la possibilità di effettuare riti funebri, è stata tanto dolorosa. La ricerca di un vaccino  contro il COVID-19 ha dato al mondo speranza.

Anche la Chiesa è chiamata a camminare con gli altri in un “viaggio di guarigione”, portando “luce in mezzo alle tenebre, la gioia in mezzo a tanto dolore, […] la guarigione e la salvezza in mezzo alla malattia e alla morte, […] la tenerezza in mezzo all’odio […] per ‘rendere virale’ l’amore e ‘globalizzare’ la speranza alla luce della fede” (Papa Francesco, Udienza generale, 30 settembre 2020).

Rendere i vaccini anti Covid-19 disponibili e accessibili a tutti è il primo passo nel cammino verso un mondo più giusto, inclusivo ed equo. “La vita è inviolabile e nessuno deve essere lasciato indietro. I vaccini sono uno strumento per rispettare e salvaguardare il dono della vita” (Papa Francesco).

Per questo, la Commissione Vaticana COVID-19 ha preparato un kit di risorse utili per tutti i rappresentanti della Chiesa, al fine di aiutare le Chiese locali ad affrontare questo duro periodo di pandemia e a contrastare la disinformazione.

Nel kit si trovano informazioni sul vaccino COVID-19 per pubblici diversi, citazioni rilevanti di Papa Francesco, link a informazioni utili, brevi messaggi per siti web, bollettini parrocchiali o altri media e una Guida informativa al Coronavirus.

Assicurare a tutti l’accesso ai vaccini deve essere considerato un atto d’amore per il prossimo. Vaccinarsi è una responsabilità solidale, perché proteggendo se stessi si protegge gli altri.

“Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza:
ecco la forza della fede che libera dalla paura e dà speranza”.
(Francesco, Momento straordinario di preghiera, 27 marzo 2020)

 

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.