Manila (Filippine). Nonostante le limitazioni determinate dalla pandemia di Covid-19, le Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice dell’Ispettoria S. Maria Domenica Mazzarello delle Filippine (FIL) cercano nuove vie per continuare la missione pastorale-educativa e raggiungere i poveri, soprattutto i/le giovani. Oltre alle iniziative di soccorso per i poveri e all’adeguamento delle Scuole ai piani per l’apprendimento integrato (online e in presenza), le FMA ripensano anche la missione oratoriana in chiave tecnologica.

Gli Oratori-Centri Giovanili (OCG) dell’Ispettoria FIL si rivolgono ai/alle giovani più poveri. Ogni Comunità FMA anima un OCG in aree urbane come Manila, o in località rurali come Mindoro e Negros Occidental, o nei territori delle popolazioni indigene di Mindoro e Pampanga.Durante il lockdown, ogni Comunità ha elaborato proposte per raggiungere i giovani e le famiglie tramite gli strumenti digitali, in base alle possibilità economiche di ciascuno.

Attraverso questi mezzi, si realizzano anche attività a cui possono partecipare le famiglie, consentendo ai partecipanti di vincere premi che garantiscano il cibo sulle loro tavole. Gli OCG distribuiscono anche pacchi alimentari periodicamente, grazie a benefattori locali e internazionali, per sostenere le famiglie, soprattutto se i capifamiglia perdono il lavoro. La Comunità Ispettoriale ha avviato alcune mamme alla vendita di verdura per avere un piccolo reddito famigliare.

La pandemia di Covid-19 ha portato a una maggior consapevolezza del  divario digitale (digital divide) nel Paese, soprattutto nelle aree rurali, dove la connessione internet è di scarsa portata. Per di più, non tutti gli oratoriani possiedono i dispositivi – computer portatili, tablet, smartphone – oppure non hanno i soldi per la ricarica.

In alcune Comunità, come la Casa ispettoriale di Manila, i “Buongiorno” e le catechesi vengono inviati con Facebook Messenger attraverso SMS o MMS ai telefoni cellulari, in modo che i giovani e le mamme possano riceverli anche senza connessione wi-fi o dati mobili. Altre Comunità li inviano sotto forma di immagini con didascalie.

Le FMA che animano OCG in cui i giovani hanno più facilità di accesso a internet utilizzano Facebook per trasmettere online le catechesi, oltre a iniziative e concorsi che stimolano la creatività dei/delle giovani. Gli animatori, i volontari e le mamme vengono coinvolte per animare i programmi online e i momenti di festa.

Alcune FMA che si occupano dei giovani più poveri, come nella Comunità San Giovanni Bosco a Paco (Manila), chiedono al governo locale i permessi per uscire ed incontrare i/le giovani per un breve tempo in cui possono evangelizzare e rispondere ai loro bisogni più urgenti, secondo le possibilità della Comunità e grazie ai benefattori.

Le animatrici degli OCG cercano le modalità per raggiungere i/le giovani in questa “nuova normalità”, spendendo il loro tempo per il confronto, la pianificazione e il lavoro in rete, cercando di gestire al meglio risorse, tempo ed energie, in quanto non sono solo animatrici di oratorio, ma hanno anche altri ruoli e responsabilità.

La pandemia di Covid-19 ha colto tutti di sorpresa, ma a poco a poco le Comunità Educanti imparano non solo a sopravvivere, ma a crescere rigogliosamente, costruendo un ambiente che genera vita.

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.