Roma (Italia). Il 3 marzo 2022, nel 5° appuntamento dei “Giovedì salesiani all’Auxilium” – l’iniziativa del Centro Studi sulle FMA della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium» di Roma con approfondimenti di pedagogia, spiritualità e storia delle Figlie di Maria Ausiliatrice – suor Monica Tausa, Figlia di Maria Ausiliatrice di origine colombiana, ha approfondito il tema: “Suor Onorina Lanfranco: una pioniera dei giardini infantili in Colombia”.

Nell’introdurre l’incontro, suor Grazia Loparco, Docente di Storia della Chiesa nella Facoltà «Auxilium», sottolinea come suor Onorina Lanfranco sia poco conosciuta dalle FMA, ma approfondita da diversi studiosi e pedagogisti, per aver istituito in Colombia, nei primi decenni del ‘900, giardini d’Infanzia che hanno dato un apporto qualitativo alla conoscenza pedagogica e alla pratica educativa verso i bambini.

Suor Monica Tausa, nella sua relazione, ha messo in luce l’unicità di questa figura, con elementi che fanno di lei una pedagoga in tutti i sensi: la formazione, la vocazione ed esperienza pedagogica, lo spirito formativo, la capacità di sistematizzare il pensiero e di mettere in dialogo i principi della spiritualità cattolica e i contributi della Madre Emilia Mosca, assistente alle prime maestre che si formarono a Nizza Monferrato. La sua formazione educativa salesiana era anche influenzata dagli orientamenti di cui parla Madre Clelia Genghini nel testo: “Un anno alla scuola della Madre Assistente”.

Suor Onorina nasce a Valfrenera, Asti, il 30 aprile 1872 e muore a Medellín, in Colombia, il 31 dicembre 1948. Nel 1894 entra nell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice già con competenze pedagogiche, per cui le viene subito affidato il compito di maestra delle ragazze e formatrice delle maestre, ovvero le suore. Responsabile di due classi elementari nel Collegio della Madonna delle Grazie di Nizza Monferrato, riceveva ogni giorno le suore allieve che venivano ad imparare da lei.

Nel 1901 scopre la sua vocazione missionaria e la Superiora Generale, Madre Caterina Daghero, la invia in Colombia, a Bogotà, dove giunge nel 1903. Dopo aver promosso la missione educativa della Scuola della capitale, viene inviata a fondare diverse Scuole María Auxiliadora in altre città del Paese. Sviluppa in particolare l’opera giardino di infanzia per bambini dai 4 ai 5 anni, di cui diviene pioniera e punto di riferimento autorevole nel campo dell’educazione dei bambini.

L’operato di suor Onorina si inserisce e si spiega alla luce dei grandi pedagogisti del suo tempo e delle opzioni educative dell’Istituto delle FMA. Ella traduce, sviluppa e incultura, con intuizione e tenacia, il contributo della pedagogia europea, italiana e salesiana nel Paese. Lei stessa riconosce: “In Colombia, si è data poca importanza ai giardini infantili; non si è ancora riusciti ad apprezzare l’importanza che il bambino acquisisca un certo livello di sviluppo prima di andare a scuola”.

Nella presentazione, suor Monica approfondisce le influenze delle diverse correnti e figure di pedagogisti/e nel lavoro educativo e pedagogico di suor Onorina al servizio dei bambini in Colombia.

In poco tempo, l’eccellenza del suo Kindergarten viene riconosciuta e il Segretario della Pubblica Istruzione le chiede di pubblicare il suo Programma Educativo e di dare l’autorizzazione ad adottarlo in tutto il dipartimento di Antioquia, orientando tutti gli insegnanti e fornendo loro un regolamento. Le viene anche chiesto di creare e dirigere personalmente la cattedra di Pedagogia Infantile presso l’Instituto Normal Femenino di Medellín. Purtroppo non è possibile stabilire quanti libri abbia scritto e pubblicati, perché l’Arcivescovo di Bogotà ne censurò l’opera, accusandola di “modernismo”.

Il lavoro di Suor Onorina dunque, oltre a essere pionieristico nell’educazione dei bambini, dimostra altresì una grande capacità di influenzare la politica educativa pubblica in Antioquia e in tutte le altre regioni in cui l’Istituto era presente in Colombia.

Suor Monica riassume infine la ricchezza dell’eredità, ancora da studiare e scoprire, di questa FMA che è stata: insegnante esperta in arte pedagogica e didattica, saggia educatrice in grado di dare un contributo all’educazione cattolica mettendo in dialogo i postulati moderni e il Sistema Preventivo, pioniera dell’educazione della prima infanzia in Colombia, formatrice instancabile di insegnanti, creatrice di un’esperienza pedagogica che ha influenzato la politica pubblica, scrittrice di diversi volumi di pedagogia, metodologia, didattica ed educazione della prima infanzia.

Conclude lasciando una domanda: in questo 150° anniversario della Fondazione dell’Istituto e della nascita di suor Onorina, non è forse il momento opportuno per riconoscere che c’è uno stile di pedagogia infantile salesiana che aspetta di essere ricostruito, concettualizzato e insegnato, affinché la vita di molti bambini possa essere piena e dignitosa?

Video dell’intervento

Testo

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.