Roma (Italia) Il 20, il 22 e il 23 luglio 2020 suor Runita Borja, Consigliera Generale per la Pastorale Giovanile, con le FMA Collaboratrici dell’Ambito, ha animato le videoconferenze con le persone di riferimento delle Istituzioni di Studi Superiori delle Figlie di Maria Ausiliatrice (ISS-FMA) sul tema: “La Pandemia di Covid-19 sta rimodellando l’educazione. Sfide e possibilità di fare rete per l’ISS-FMA: nell’Ispettoria, nel Paese, nei ‘nodi’ organizzati durante il III Incontro Mondiale del 2019”.

Le ISS-FMA sono comunità accademiche che, in fedeltà al Sistema Preventivo di don Bosco, vissuto creativamente da Maria Domenica Mazzarello, accompagnano gli studenti, promuovendone lo sviluppo integrale e aiutandoli a diventare professionisti e cittadini capaci di vivere la solidarietà, la giustizia, la pace e la cura della casa comune.

Costituiscono una rete di 44 Centri Universitari, Facoltà, Università, Scuole di Magistero, di livello Superiore e Istruzione Terziaria, affidate all’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice e sono presenti in 16 Paesi di quattro continenti: America (Argentina, Brasile, Colombia, Haiti, Messico, Repubblica Dominicana e Uruguay); Africa (Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Benin e Repubblica Federale Democratica di Etiopia); Asia (India, Filippine e Giappone); Europa (Spagna e Italia). La loro missione in rete è di sviluppare progetti comuni, basati su specifiche priorità strategiche, alla ricerca di un maggiore contributo da parte delle singole ISS nei diversi contesti socio-geografici.

L’ambito della Pastorale Giovanile ha programmato gli incontri con questi obiettivi: prepararsi per il post Covid-19, per affrontarne e assumerne le sfide come Comunità Educanti, per garantire il diritto all’istruzione, soprattutto alle categorie più vulnerabili; sviluppare linee guida per l’accompagnamento delle Ispettorie e lavorare in rete, nell’impegno di una missione educativa  attuale, creativa e innovativa; organizzarsi per realizzare la programmazione della rete ISS-FMA, creata nel III Incontro mondiale ISS nel 2019 a Copacabana, per il Patto Educativo e l’anno speciale della Laudato Sí’.

La Consigliera Generale per la Pastorale Giovanile, suor Runita Borja, ha dato il ‘benvenuti’ ai partecipanti – che sono stati circa 80 nel corso delle tre sessioni – con queste parole: “Il nostro incontro vuole essere uno spazio di condivisione, per riconoscere come Dio è presente e come siamo chiamati a rispondere con creatività, carità e solidarietà nel mantenere viva la speranza per le famiglie e per le giovani generazioni, soprattutto quelle che frequentano le nostre Istituzioni educative”.

Suor Sarah Garcia, dell’Ufficio per i Diritti Umani IIMA di Ginevra, ha poi sviluppato il tema: “Rileggere il Sistema Preventivo secondo il linguaggio dei Diritti Umani“.

Successivamente, ogni Istituzione ha presentato la propria realtà, comunicando ciò che si sta facendo per salvaguardare l’educazione durante la pandemia e quali scenari si intravedono all’orizzonte.

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.