Cagliari (Italia). Il Programma Operativo Cumentzu per l’inclusione sociale degli immigrati presenti sul territorio, finanziato dalla Regione Sardegna, è coordinato e realizzato dal CIOFS/FP Sardegna, nell’Ispettoria S. Giovanni Bosco (IRO).

Il 26 novembre 2019, dopo la prima parte di informazione e di accoglienza dei giovani partecipanti, sono stati avviati gli interventi finalizzati all’inclusione del Progetto “Tottus impari” con l’attivazione di quattro laboratori tematici.

Coendi: Laboratorio e cooking class sulla cucina sardo-mediterranea

I giovani, guidati da alcuni esperti di settore, hanno messo proprio le mani in pasta, imparando a preparare la pasta fresca e il pane, tipici della Sardegna, conoscendo così i prodotti cardine dell’alimentazione mediterranea e le tradizioni dell’ambiente che li ospita.

Memoria culturale come identità collettiva

I giovani immigrati hanno visitato Musei e luoghi tipici di Cagliari, di Barumini e di Sant’Antioco, apprezzando la storia e la bellezza locale.

Web Doc: Il bagaglio – Cagliari, storie di inclusioni possibili

I giovani, con l’aiuto di esperti, realizzano un documentario nel quale intervengono tutti coloro che lavorano nell’accoglienza degli immigrati in Sardegna, dagli operatori dei Centri di Accoglienza e degli Sprar, alla Caritas Diocesana, agli operatori del CIOFS/FP Sardegna. Per la realizzazione delle interviste tutti i giovani si sono messi in gioco, raccontando e raccontandosi, tirando fuori tutto il loro difficile e doloroso vissuto.

Murales metropolitani

Il laboratorio di murales ha ri- valorizzato un vecchio muro di cinta del Centro del CIOFS/FP di Cagliari. Riccardo Pinna, l’esperto dell’Associazione Culturale “Skizzo” che ha guidato il percorso, così spiega l’opera d’arte urbana:

“Una texture urbana che richiama nelle forme la tecnica dei batik: cerchi come simbolo di movimento, quadrati che esprimono staticità ed equilibrio, linee che rappresentano le strade percorse e da percorrere e triangoli come metafora delle salite e delle discese che tutti ci troviamo ad affrontare quotidianamente.

Un patchwork collettivo che parla dei colori del mondo visto dall’alto: il bianco dei ghiacci, il giallo della sabbia, il marrone della terra, il verde della vegetazione e l’azzurro del mare.

L’accostamento sempre diverso di questi semplici elementi dà vita a combinazioni originali e creative e ad un’insieme variegato e multicolore che rappresenta il nostro modo di interagire e conoscerci all’insegna della cultura, dell’arte e della collaborazione.”

Gli interventi si pongono l’obiettivo di creare occasioni per l’inclusione sociale e la piena partecipazione alla vita della collettività degli utenti immigrati partecipanti al progetto. I giovani coinvolti hanno risposto con entusiasmo al progetto, dando prova che l’inclusione è possibile.

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.