Roma (Italia). L’8 ottobre 2022, nella modalità online, suor Marcia Koffermann, Figlia di Maria Ausiliatrice dell’Ispettoria Nossa Senhora Aparecida (BAP), dottoranda in Comunicazione Sociale presso l’Università di Huelva, in Spagna, ha presentato alle FMA, membri della Conferenza Interispettoriale Asia Orientale (CIAO) Scuola, una riflessione sul tema: “Formazione integrale in un contesto infodemia”.

Il tema stimola un confronto sulle sfide attuali riguardanti l’infosfera, in particolare sull’infodemia – la diffusione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non accurate, che rendono difficile orientarsi e individuare fonti affidabili – che si diffonde ampiamente attraverso le reti sociali, e su come, di fronte a questa realtà, la scuola possa contribuire alla formazione di un cittadino critico, partecipativo e consapevole.

Nella prima parte della presentazione, suor Marcia si è soffermata sulla realtà contemporanea, immersa in un contesto di post-verità, in cui la verità appare come un concetto relativo e domina l’emotività, portando a: perdita di autonomia e senso critico individuale; manipolazione sistematica delle passioni degli individui; leadership carismatica, intesa come una sorta di distorsione della narrazione realistica; propensione alla retorica discorsiva e all’esagerazione, persino all’aggressività o alla violenza verbale, presente in molte manifestazioni di massa.

Nella seconda parte, ha posto l’accento sulla necessità di offrire ai giovani un’educazione integrale. Nel contesto odierno, infatti, di grande sviluppo tecnologico, la conoscenza e il sapere non sono più un dominio esclusivo della scuola. Le famiglie non possono più essere le sole responsabili della trasmissione dei valori, per il semplice fatto che fin da piccoli, i bambini trascorrono gran parte della loro vita a scuola e sempre meno tempo con i genitori. Con la crescita dei media digitali, i fatti iniziano a essere narrati attraverso visioni diverse, adottando discorsi sempre carichi di emozioni, credenze e opinioni divergenti.

Per questo, un’educazione integrale che tenga conto della multidimensionalità della persona è condizione essenziale per la costruzione della società. Il pensiero veramente critico non si raggiunge solo con lo sviluppo della ragione, occorre anche educare dai sensi, dalle emozioni e dalle convinzioni.

In questa direzione è la proposta di Papa Francesco, del Patto Educativo Globale, che vede il coinvolgimento di tutte le forze della società nell’impegno di educare. Le/gli educatrici/tori salesiani hanno poi nelle mani la grande eredità del Sistema Preventivo di Don Bosco il quale, già nel secolo scorso, aveva intuito che l’educazione non può essere un processo di trasmissione di contenuti, bensì una sana ed equilibrata sintesi di ragione, religione e amorevolezza. Suor Marcia ha anche proposto all’attenzione delle partecipanti il documento dell’UNESCO: “Re-immaginare insieme il futuro: un nuovo contratto sociale per l’educazione”, su questa linea.

La relatrice ha infine evidenziato l’importanza di costruire ecosistemi educomunicativi in vista dell’educazione integrale, soffermandosi sulla proposta del Patto Educativo globale, soprattutto sui sette impegni segnalati da Papa Francesco.

Suor Marcia Koffermann ha terminato la sua presentazione constatando che dinanzi alla complessità del mondo non esistono soluzioni semplici, è necessario uno sforzo congiunto, unendo le forze tra diverse istituzioni, per affrontare con coraggio ed efficacia la crisi dell’umano in cui è immerso il mondo e ricollocarlo al giusto posto nella Casa comune che è il pianeta in cui abita.

“Ci serve il coraggio di generare processi che assumano consapevolmente la frammentazione esistente e le contrapposizioni che di fatto portiamo con noi; il coraggio di ricreare il tessuto di relazioni in favore di un’umanità capace di parlare la lingua della fraternità” (Papa Francesco).

2 COMMENTAIRES

  1. Parabéns, Irmã Márcia. Tema super atual também para a formação das FMA.
    DE Angola, envio-lhe um grande abraço

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.