Roma (Italia). Il 7 aprile 2024, 15 Figlie di Maria Ausiliatrice juniores della Visitatoria Maria Madre della Chiesa (RMC) e due della Comunità Maria Ausiliatrice di Casa Generalizia (RCG) si sono incontrate per il loro incontro formativo sul tema: Cura della casa comune. Esperienze e scelte concrete alla luce della Laudato Si’ e della Laudate Deum”. L’incontro si è svolto a Roma presso la Curia generalizia dei Missionari Comboniani dove la comunità, in occasione della Settimana Laudato Si’ 2020, ha deciso di dare vita a un percorso educativo sulla cura della casa comune, creando il Parco Laudato Si’.

Il racconto dell’esperienza:

“In mattinata, il Fratello comboniano Alberto Parise ci ha regalato un’esperienza unica, guidandoci in un percorso all’interno del loro Parco Laudato Si’. È stato un invito a rigenerare la nostra relazione con Dio, la natura e il mondo. Le sei stazioni disposte lungo il percorso ci hanno offerto la possibilità di esplorare, in modo coinvolgente e interattivo, le tematiche fondamentali della Laudato Si’. In ogni stazione, il percorso proponeva: una presa di coscienza della realtà, un’esperienza sensoriale di consapevolezza e di connessione con la nostra casa comune, una breve riflessione di approfondimento, un invito all’azione con una proposta di impegno collettivo e individuale.

Nella prima stazione: ‘Tutto è connesso’, abbiamo contemplato la profonda interconnessione tra gli esseri umani e la natura. Attraverso momenti di silenzio e ascolto dei suoni della natura, ci siamo rese conto della nostra appartenenza a un grande ecosistema interconnesso.

Successivamente, abbiamo affrontato la sfida dei cambiamenti climatici e della crisi socio-ambientale, presso la Stazione 2: ‘Ecologia integrale’. Qui, la percezione del vento e la radiazione del sole ci hanno ricordato l’importanza di ridurre le emissioni di gas serra e di adottare azioni concrete per proteggere l’ambiente.

La Stazione 3: ‘Stili di vita’ ci ha spinte a esaminare il nostro impatto ecologico e ad impegnarci a cambiare le nostre abitudini, per vivere in modo più sostenibile. Attraverso un test sull’impronta ecologica e riflessioni sulle nostre abitudini alimentari e la gestione dei rifiuti, abbiamo compreso l’importanza di modificare il nostro comportamento quotidiano.

La Stazione 4: ‘La terra ci nutre’ ci ha messo di fronte al problema della desertificazione e ci ha ispirato a promuovere pratiche agricole sostenibili, per preservare la terra che ci nutre.

In seguito, abbiamo esplorato l’importanza di ‘ridurre, riusare, riciclare e recuperare’ presso la Stazione 5: ‘Oltre lo scarto’; abbiamo compreso maggiormente la nostra responsabilità nel ridurre i rifiuti e adottare una raccolta differenziata accurata e costante.

Infine, alla Stazione 6: ‘Ecologia e missione’, abbiamo riflettuto sull’integrazione dell’ecologia nella nostra missione di vita, comprendendo che la cura dell’ambiente è una chiamata alla missione e all’evangelizzazione.

A conclusione di questo percorso, abbiamo vissuto un’esperienza spirituale guidata da Fr. Alberto: siamo state invitate a percorrere insieme, in silenzio, un labirinto, metafora del nostro cammino verso un’unica meta che è Dio.

Nel pomeriggio, dopo l’agape fraterna, abbiamo vissuto un momento di gioia giocando al pallone e contemplando il verde del bellissimo parco.

Successivamente, abbiamo visto un breve video sulla Laudate Deum e il film documentario ‘La Lettera’. La condivisione finale delle nostre impressioni ha aumentato la nostra consapevolezza e la nostra responsabilità verso il mondo in cui viviamo.

Questa esperienza ci ha profondamente toccate, ci ha rese più consapevoli dell’interconnessione tra gli esseri umani e la natura, del nostro impatto sull’ambiente e della responsabilità che abbiamo nel promuovere la sostenibilità.

Siamo grate a Dio per le sue creature e ringraziamo le nostre responsabili, la Superiora di Visitatoria, suor Jessica Salvana, e la Vicaria, suor Anna Trotti, così come le nostre Direttrici, per l’impegno e l’organizzazione di questa preziosa esperienza. La nostra gratitudine va anche ai Missionari Comboniani che ci hanno ospitate”.

1 COMMENTAIRE

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
S'il vous plaît entrez votre nom ici

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.