Roma (Italia). Il 26 settembre 2021 si celebra la 107a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (GMMR), istituita dalla Chiesa nel 1914 per portare all’attenzione e alla preghiera delle Comunità ecclesiali e civili la realtà dei migranti e dei rifugiati.

Il tema del Messaggio 2021 – Verso un “noi” sempre più grandeesprime una preoccupazione e un desiderio che Papa Francesco riprende dalla Lettera Enciclica Fratelli Tutti: «Passata la crisi sanitaria, la peggiore reazione sarebbe quella di cadere ancora di più in un febbrile consumismo e in nuove forme di auto-protezione egoistica. Voglia il Cielo che alla fine non ci siano più “gli altri”, ma solo un “noi”» (n. 35).

Il “noi” è l’orizzonte del cammino comune, da sempre presente nel progetto della Creazione (Gen 1,27-28 ) e “destinato ad includere tutta la famiglia umana, tutti i popoli”. Un cammino che ha come centro e compimento il mistero di Cristo, morto e risorto «perché tutti siano una sola cosa» (Gv 17,21).

Eppure questo “noi” voluto da Dio “è rotto e frammentato, ferito e sfigurato”, soprattutto in tempi di maggiore crisi come la pandemia di Covid-19, in cui i nazionalismi e l’individualismo dividono il “noi” e portano ad allontanare da sé gli “altri”: gli stranieri, i migranti, gli emarginati, che abitano le periferie esistenziali.

“In realtà, siamo tutti sulla stessa barca e siamo chiamati a impegnarci perché non ci siano più muri che ci separano, non ci siano più gli ‘altri’, ma solo un ‘noi’, grande come l’intera umanità”, dice Papa Francesco, e lancia un duplice appello a camminare insieme verso un noi sempre più grande:

Una Chiesa sempre più cattolica. L’universalità è la realtà della Chiesa da riconoscere e vivere in ogni epoca. L’azione dello Spirito rende capaci “di abbracciare tutti per fare comunione nella diversità, armonizzando le differenze senza mai imporre una uniformità che spersonalizza”. I fedeli cattolici e la Chiesa sono dunque chiamati ad accogliere le diversità come opportunità di arricchimento reciproco, ad aprirsi alle periferie esistenziali senza pregiudizi e paure, a riconoscere nei flussi migratori contemporanei una nuova “frontiera” missionaria e un’occasione privilegiata di annunciare Gesù Cristo e il suo Vangelo.

Un mondo sempre più inclusivo, un’unica famiglia umana, dove nessuno venga escluso: Il futuro delle nostre società è un futuro ‘a colori’, arricchito dalla diversità e dalle relazioni interculturali. Per questo dobbiamo imparare oggi a vivere insieme, in armonia e pace”. L’appello del Papa richiede l’impegno di tutti gli uomini e le donne ad abbattere i muri e a favorire la cultura dell’incontro, a impiegare bene i doni ricevuti da Dio e ad essere corresponsabili nel rendere ancora più bella la creazione, il ‘tesoro’ comune, per “realizzare uno sviluppo più sostenibile, equilibrato e inclusivo”.

Per prepararsi e vivere la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2021, il Sito web del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale offre materiale in varie lingue per la celebrazione della Giornata e risorse multimediali da utilizzare e condividere: i video del Papa per promuovere nelle comunità maggiore comprensione e consapevolezza verso i migranti e i rifugiati e alcune testimonianze di esperienze positive di migrazione.

L’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice accoglie la sfida pastorale di farsi prossimi a quanti si trovano a vivere situazioni di precarietà e di emarginazione, attraverso l’azione concreta di tante Comunità Educanti del mondo che aprono le porte e il cuore per dare speranza e un futuro migliore a famiglie di migranti e rifugiati, educando al rispetto per le diversità e all’inclusività.

“Siamo chiamati a sognare insieme. Non dobbiamo aver paura di sognare e di farlo insieme come un’unica umanità, come compagni dello stesso viaggio, come figli e figlie di questa stessa terra che è la nostra Casa comune, tutti sorelle e fratelli” (cfr FT, 8).

2 COMMENTAIRES

  1. Muy buena laz. reflexion en un mundo inclusivo tenemos que soñar juntas….
    El Capitulo General y su transmisión nos ayudará a soñar y caminar juntas.
    Estoy segura que así será…Ánimo y deseo de caminar y mirar el futuro juntas.
    Siempre mi oracion y cariño

  2. La Iglesia Madre siempre pensando en sus hijos emigrante y refugiados debemos dar una mano de Ayuda hacer les sentir hnos.
    Un abrazo Sor Aida

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.