Roma (Italia) Il 5 giugno 2020 si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1972 per richiamare l’umanità alle responsabilità ambientali. Lo slogan dell’edizione 2020 è Tempo per la natura e il tema è la biodiversità:

“I cibi che mangiamo, l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e il clima, che rende il nostro pianeta abitabile, provengono tutti dalla natura. Sono tempi non comuni in cui la natura ci sta inviando un messaggio: per prenderci cura di noi stessi dobbiamo prenderci cura della natura”. (Sito Web Giornata dell’Ambiente)

La biodiversità sostiene tutta la vita terrestre e marina e investe ogni aspetto della salute umana, assicurando aria e acqua pulite, cibi nutrienti, resistenza alle malattie e mitigazione dei cambiamenti climatici. La modifica o la rimozione di un elemento di questo circuito influisce sull’intero sistema di vita e può produrre conseguenze negative. Gli eventi recenti, come gli incendi boschivi in Brasile, negli Stati Uniti e in Australia, le invasioni di locuste nell’Africa orientale e, attualmente, la pandemia di Covid-19, sottolineano l’interdipendenza tra gli esseri umani e gli ecosistemi. La perdita di biodiversità rischia di avere gravi effetti sull’umanità.

Nell’omelia di inizio del Pontificato (19 marzo 2013), Papa Francesco evidenzia: “Custodiamo Cristo nella nostra vita, per custodire gli altri, per custodire il creato”. In occasione della Settimana della Laudato Si’, svoltasi dal 16 al 24 maggio 2020, sul tema “Tutto è connesso”, il Santo Padre ha invitato le comunità cattoliche di tutto il mondo ad approfondire il proprio impegno per la salvaguardia del Creato e la promozione di un’ecologia integrale.

Suor Runita Borja, Consigliera per la Pastorale Giovanile dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, scrive:

“Con l’esperienza della pandemia riconosciamo che tutto è connesso. Siamo connessi a Dio, tra di noi e con tutto il creato. Quando uno di questi legami viene interrotto, possono esserci delle conseguenze negative: riscaldamento globale, desertificazione, guerra, povertà, fame, violazione dei diritti umani. Anche il bene può avere un effetto a catena, e questo si riscontra nelle iniziative di solidarietà messe in atto per affrontare le conseguenze della pandemia.

“Io sono venuto perché tutti abbiano vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10): così Gesù presenta la missione, una risposta alla domanda sul senso della vita. La vita è un dono ricevuto e dono da condividere. Tutti sono parte della storia che insieme si vive e si costruisce. Qui è la radice della responsabilità verso il creato: amare Dio e amare il prossimo significa avere cura dell’umanità e di tutto il creato, sentendo la responsabilità del futuro delle giovani generazioni!”.

Richiamando l’appello di Papa Francesco nella Laudato Si’, invita le Comunità educanti ad compiere tre gesti: pregare per e con il creato, vivere con semplicità, promuovere la cura della nostra casa comune.

Per la Giornata Mondiale dell’Ambiente e per il mese di giugno, sollecita a “dare tempo per la natura” con la contemplazione, la cura del creato, un ritmo di vita disteso, uno stile di vita sobrio.

Propone poi un’iniziativa concreta: scattare alcune foto che esprimano i momenti – personali, come famiglie, come gruppi – dedicati alla cura della natura e di condividerli con le Comunità Educanti sulle reti sociali, utilizzando gli hashtag:

#fornature    #porlanaturaleza    #pourlanature    #pelanatureza     #perlanatura

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.