Roma (Italia). Il 12 giugno 2021 si è svolto il Webinar sul tema “Il valore della stampa associativa”, per celebrare i 100 anni della rivista Unione, organo di stampa della Confederazione Mondiale Mornese Exallieve/i delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

La Presidente Confederale, Sig.ra Maria Maghini, introduce l’evento dando il benvenuto ai/alle partecipanti e portando la voce riconoscente di/delle Exallievi/e: “Vogliamo dedicare questo Webinar a tutte le FMA in occasione dei 150 di storia dell’Istituto FMA, 150 anni di amore e di servizio alla Chiesa e ai giovani”.

Nel suo saluto, la Madre Generale dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, suor Yvonne Reungoat, esprime la gratitudine per i 100 anni della rivista Unione:

“È uno strumento di comunione tra tutte le Exallieve/i delle FMA, porta dovunque nel mondo la freschezza della vita delle Unioni, offre a tutte degli spunti di riflessione e di meditazione, socializza e corresponsabilizza nei confronti del bene che si va facendo nel nome di Don Bosco e di Madre Mazzarello, permette di condividere gioie e traguardi, come anche fatiche e timori, speranze e attese. (…) Attraverso Unione continuiamo a spargere il buon seme del carisma salesiano mornesino, alla cui ombra le giovani e i giovani di oggi possono trovare la vera casa, la “casa dell’amore di Dio” e dell’amore reciproco, del servizio e della donazione”.

La Dott.ssa Paola Mancini, Exallieva delle FMA, tratteggia una breve storia della rivista Unione: «Il primo foglio di carta stampata prodotto dalle Exallieve delle FMA nasce nel 1911 col nome “L’eco delle exallieve”, 8 pagine in bianco e nero, con i programmi e la traccia delle relazioni del Primo Congresso, un semplice foglio di comunicazione della vita dell’Associazione per preparare il primo Convegno Internazionale a Torino. (…) Don Filippo Rinaldi – 3° successore di Don Bosco – e le prime Exallieve sentono l’esigenza di un collegamento più significativo tra le Unioni, che si stanno moltiplicando. Nel 1920, nel corso della riunione del Consiglio Nazionale, viene presa la decisione di stampare un periodico. La Sig.ra Maria Teresa Benvenuti, Presidente onoraria dell’Unione primogenita, riguardo al titolo scrive: “Don Rinaldi, sorridente e buono, lascia parlare e discutere, poi propone il titolo semplicissimo, secondo il suo stile, ma che voleva dire tutto: UNIONE”».

Il Moderatore della Tavola Rotonda, il Dott. Massimiliano Cavallo, Direttore della Rivista Unione, sottolinea l’urgenza di curare una “buona stampa”, di usare parole buone, che danno forma al pensiero e all’identità: «Don Bosco è stato definito da tanti l’apostolo della buona stampa. Lo scopo nello scrivere per lui era – e deve rimanere per noi – fare del bene attraverso la parola fissata sulla carta, oggi anche online. Come figli e figlie di Don Bosco e Madre Mazzarello, ci dobbiamo porre sulla stessa scia».

I relatori sono chiamati a esprimere la propria opinione sul futuro della stampa associativa cattolica come strumento critico, portatore di valori di una realtà sempre più complessa, presentando la storia, i valori di riferimento e la realtà del periodico che curano.

Il Dott. Marco Iasevoli, Direttore de Il Segno, mensile dell’Azione Cattolica, mette in rilievo il ruolo fondamentale della stampa associativa: “Credo che la parola scritta sia il futuro della convivenza civile, perché alla fine sarà l’unica traccia che ci resterà, anche per fondare il rinnovamento delle nostre Associazioni.  Alcuni testi di autori che leggiamo sono ancora segno di profezia” e la necessità di usare una parola chiara, semplice, breve, profonda e incisiva, ancorata all’attualità.

Il Dott. Valerio Martorana, Direttore di Voci Fraterne, la rivista della Federazione italiana degli Exallievi/e di Don Bosco, che nel giugno 2020 ha celebrato 100 anni, richiamando il Messaggio per la LV Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, evidenzia il contributo alla redazione degli associati, che escono per strada, ‘consumano le suore delle scarpe’, verificano le situazioni, anche di povertà: “Papa Francesco ci ricorda che ogni strumento è utile e prezioso solo se ci spinge ad andare a vedere cose che altrimenti non sapremmo, se permette incontri che altrimenti non avverrebbero. (…) Abbiamo futuro se crediamo di essere presente vivo e incisivo, testimoni credibili e attendibili”.

Il Dott. Claudio Maria Picco, Capo Redattore di Nuovo Progetto, racconta la nascita, nel 1978, della rivista del Sermig, l’Arsenale della Pace fondato da Ernesto Olivero a Torino, espressione del desiderio del Fondatore di avere un periodico che diffondesse il carisma della speranza, narrando il positivo, che non manca nella società: “Il bene fatto bene vive e cresce anche nel racconto, nella volontà di ‘fare bene il bene’, di restituire tempo e risorse”.

La Dott.ssa Chiara Genisio, Vice Presidente della Federazione Italiana Settimanali Cattolici (FISC) definisce la Tavola Rotonda una ‘boccata di ossigeno’ per la stampa associativa che, nonostante le difficoltà, si ritrova confermata nella missione di veicolare valori carismatici che alimentano la società, aiutando a leggere la realtà in profondità: “Credo sia importante non disperdere questo patrimonio che ci aiuta ad essere fisicamente vicini e aiutare a fare questo passaggio: non che cosa mi può dare l’Associazione, ma che cosa posso dare all’Associazione”.

Suor Maria Luisa Miranda, Consigliera generale per la Famiglia Salesiana, a conclusione dell’incontro, sintetizza il suo intervento in quattro parole:

  • Memoria e futuro “Come è importante avere in mano il primo numero della rivista Unione, sfogliando le diverse edizioni fino ad oggi: il cammino dell’Associazione non va perduto. La memoria incoraggia il futuro: se gli anziani narrano, i giovani sognano, se non c’è narrazione, i giovani non sognano”.
  • Testi e tessuto “I testi creano tessuto. Se non abbiamo testi che ci collegano, non possiamo fare un tessuto (…) per dare vita, continuità e futuro all’associazione. In questa modernità liquida, quasi gassosa, è importante portare un pensiero che abbia radici forti capaci di far crescere nuovi germogli”.

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.