Città del Vaticano. I consacrati e le consacrate sono interpellati in prima persona a risvegliare in tutti il senso della speranza”.

Il 25 marzo 2021, nella Solennità dell’Annunciazione del Signore, il Cardinale João Braz de Aviz – Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e la Società di Vita Apostolica – ha inviato una lettera Testimoni della bellezza di Dio” «ai fratelli e sorelle consacrati» in occasione del venticinquesimo anniversario dell’Esortazione Apostolica Vita consecrata di Giovanni Paolo II».

L’Esortazione Vita Consecrata, pubblicata il 25 marzo 1996, è frutto della riflessione della IX Assemblea del Sinodo dei Vescovi del 1994. In un tempo di grande incertezza, in una società liquida, dalle identità confuse e appartenenze deboli, il Documento stabilì l’identità della vita consacrata, che si basa sulla relazione con la Trinità e “rivela la gloria e il volto del Padre nello splendore luminoso dello Spirito”.

In questo drammatico momento ci sentiamo solidali con tutti e tutte “nella tribolazione e nella perseveranza” (cfr. Ap 1, 9), non solo a motivo dell’evento pandemico, ma soprattutto per le sue conseguenze che ci toccano da vicino nelle quotidiane vicende della comunità civile ed ecclesiale.

«I consacrati e le consacrate sono interpellati in prima persona a essere, oggi, “testimoni di bellezza” e di fraternità. Se Dio è bello e il Signore Gesù è il più bello tra i figli dell’uomo – scrive il Cardinale – allora è bello essere consacrati a Lui». Si ispiri alla bellezza “la testimonianza e la parola offerta, perché bello è il volto che annunciamo, la fraternità e il clima che si respira; il tempio e la liturgia, cui tutti sono invitati, perché è bello pregare e cantare le lodi dell’Altissimo e lasciarsi leggere dalla sua parola; l’essere vergini per amare col suo cuore; l’essere poveri per dire che è lui l’unico tesoro; l’obbedire alla sua volontà di salvezza; l’avere un cuore libero di accogliere il dolore di chi soffre per manifestargli la com-passione dell’Eterno”.

Tutti hanno bisogno della testimonianza che una autentica vita consacrata può offrire al mondo. La Chiesa, ha sempre avuto bisogno della profezia della vita consacrata, e mai come oggi, ne sente la necessità. I religiosi sono «innamorati di Cristo» che hanno lasciato tutto per Lui. Sono i testimoni della bellezza di Dio chiamati ad avere uno sguardo nuovo, che sa vedere la grazia, che sa cercare il prossimo, che sa sperare.

Lettera ai fratelli e sorelle consacrati

LAISSER UNE RÉPONSE

S'il vous plaît entrer votre commentaire!
Please enter your name here

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.