Il Rettor Maggiore incontra la Famiglia salesiana in Giappone

Il Rettor Maggiore incontra la Famiglia salesiana in Giappone

Tokyo (Giappone). Dall’ispettoria giapponese “Alma Mater” riceviamo e trasmettiamo notizie sulla visita del Rettor Maggiore, don Pascual Chávez Villanueva, nei giorni 21-25 settembre. «La visita in Giappone del Rettor Maggiore è stata pianificata insieme come Famiglia salesiana: certamente, i Salesiani hanno avuto un ruolo fondamentale, ma fin dalla preparazione, noi FMA, Suore della Carità di Gesù e Salesiani Cooperatori, siamo stati attivamente coinvolti.
   Il primo incontro è stato all’areoporto di Narita. Lì, don Pascual Chávez è stato accolto dai Consiglieri e Consigliere di ciascun gruppo FS. Un momento breve, tuttavia a noi FMA il Rettor Maggiore ha rivolto in particolare la sua parola trasmettendoci, molto affabilmente, i saluti della Madre, e chiedendo quando ci saremmo visti nuovamente.
 Il secondo incontro è stato la festa con tutta la Famiglia salesiana, in tre momenti: parola del Rettor Maggiore ai rispettivi Consigli, Celebrazione Eucaristica, momento di festa. Nelle parole rivolte ai Consigli, don Chávez ha sottolineato soprattutto l’importanza di essere consapevoli di fare parte della Famiglia salesiana. Ha affermato: “Ogni SDB, FMA, Salesiano Cooperatore, quando fa la professione o la promessa, dovrebbe ricevere insieme le Costituzioni e la Carta d’identità carismatica della FS”. Un altro punto ribadito è stato quello della sinergia: se lavoriamo insieme come FS, la nostra azione sarà più efficace.
   Durante l’omelia della Celebrazione Eucaristica ha sottolineato particolarmente la realtà della presenza di tanti santi nella Famiglia salesiana, fra cui, in Giappone, don Vincenzo Cimatti.   Nel momento della festa, il Rettor Maggiore ha partecipato attivamente, non dimostrando segni di stanchezza: ha cantato e … fatto tutto quanto gli veniva richiesto.
  Il giorno 23, presso la parrocchia salesiana di Himonya - Meguro, il Rettor Maggiore ha incontrato tutta la gioventù, in particolare della fascia di età dai 13 ai 18 anni, delle parrocchie salesiane della Diocesi di Tokyo. Ai giovani ha raccomandato soprattutto di difendersi dall’individualismo che pervade la società oggi. Il giorno 24, ha visitato e celebrato l’Eucaristia presso la comunità FMA di Osaka. Ogni Sorella è rimasta impressionata dal clima salesiano che si è creato in poco tempo. L’incontro del ‘Buon giorno’ a tutta la scolaresca riunita ha creato una particolare attrazione soprattutto delle nostre giovani verso la figura del Rettor Maggiore, in cui hanno potuto vedere Don Bosco oggi. La visita a Nagasaki e un breve pellegrinaggio nei luoghi dei Martiri giapponesi ha condotto infine don Pascual Chávez all’incontro con la Famiglia salesiana del Sud del Giappone».

Scrivi un commento
Non ci sono ancora commenti a questa notizia.
Lascia per primo un nuovo commento!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.