La politica a servizio della Pace

Roma (Italia). Si celebra il 1° gennaio 2019, la 52ª Giornata Mondiale della Pace. Scopo della Giornata è dedicare il giorno di Capodanno alla riflessione e alla preghiera per la Pace. “La buona politica è al servizio della pace”. È questo il tema del messaggio di Papa Francesco per la 52esima Giornata Mondiale della Pace. Una “sfida” a promuovere una “buona politica” che ricorda le virtù di questa particolare “forma eminente di carità”. Non da sole, ma con Maria che ha generato Gesù, Principe della pace e con lei la perseguiamo con intraprendenza evangelica. Maria, Madre della Vita, Donna del dialogo, della tenerezza, della misericordia e, perciò, Donna di pace.

La pace è simile alla speranza di cui parla il poeta Charles Péguy; è come un fiore fragile che cerca di sbocciare in mezzo alle pietre della violenza, si legge nel Messaggio. La ricerca del potere ad ogni costo porta ad abusi e ingiustizie. La politica è un mezzo fondamentale per costruire la cittadinanza, ma se coloro che la esercitano, non la vivono come servizio alla collettività umana, può diventare strumento di oppressione, di emarginazione e persino di distruzione… Quando l’uomo è rispettato nei suoi diritti germoglia in lui il senso del dovere di rispettare i diritti degli altri. I diritti e i doveri dell’uomo accrescono la coscienza di appartenere a una stessa comunità, con gli altri e con Dio.

Siamo chiamati a portare e ad annunciare la Pace come la buona notizia di un futuro dove ogni vivente è considerato nella sua dignità e nei suoi diritti. La “buona politica” è al servizio della pace; è compito di ogni cittadino e in particolare di chi ha ricevuto il mandato di governare. Questa missione consiste nel salvaguardare i diritti di tutti e di incoraggiare il dialogo fiducioso tra le culture, le generazioni, i cittadini. Base di partenza è la fiducia reciproca, la lealtà, la sincerità. La Pace è la conseguenza di un grande progetto politico, ma è anche una sfida, da accogliere giorno dopo giorno, che implica tre dimensioni: la pace con sé stessi, la pace con gli altri, la pace con il creato. Il Pontefice ricorda che: “Oggi più che mai, le nostre società necessitano di ‘artigiani della pace’.

La Madre Generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice, M. Yvonne Reungoat, nella Circ. 969 scrive: «Tutti desideriamo la pace; tante persone la costruiscono ogni giorno con piccoli gesti e molti soffrono e sopportano pazientemente la fatica di tanti tentativi per costruirla. Il mio pensiero corre a Valdocco e a Mornese dove l’impegno di educare al valore della pace era un elemento fondamentale nella missione educativa, intesa come opera di misericordia in cui offrire ai giovani la certezza che Dio li ama. Il Sistema preventivo è tutto basato sulla convinzione che in ogni giovane c’è almeno un punto accessibile al bene, una corda da far vibrare, così che il cuore si apra alla bontà. Don Bosco era convinto che bisognasse partire dai giovani per rigenerare la società. E desiderava che ogni mattina si pregasse per la “pace in casa”, convinto che nell’educazione occorre favorire il clima adeguato per formare “buoni cristiani e onesti cittadini”. Madre Mazzarello aveva capito che la via più efficace era quella di curare le relazioni tra le sorelle e tra le giovani in un “clima di famiglia” animato dalla presenza di Maria Ausiliatrice. Riconosceva che questo clima era la base per rapporti di serenità e di pace, presupposto indispensabile per facilitare la partecipazione e la corresponsabilità anche tra le ragazze. Care sorelle, abbiamo in Maria e nei nostri Fondatori testimoni credibili della pace, dell’amore donato e fatto percepire ai giovani. Come Istituto Educativo, riaffermiamo la nostra scelta per l'educazione. È qui che si pongono le basi per una cultura della vita, per la convivialità delle differenze, il rispetto dei diritti e doveri di ogni persona, di ogni cittadino. Qui si apprende a superare i conflitti e si coltivano sentimenti di solidarietà e di pace. Insieme, come Comunità Educanti, vogliamo impegnarci con ancora maggior convinzione per formare ai valori indissolubili della vita, della famiglia, al senso civico, al rispetto dei diritti umani, alla democrazia».

Il Messaggio della Pace, in sintonia con il cammino post-capitolare – su cui occorre riflettere, approfondire personalmente e nei vari organismi di animazione locale e ispettoriale –, tocchi il cuore di tutte le Comunità Educanti per costruire un duraturo futuro di pace e di solidarietà!

Scrivi un commento
Non ci sono ancora commenti a questa notizia.
Lascia per primo un nuovo commento!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.