Genova. Un porto e una nuova storia che inizia

Roma (Italia). A Mornese, nel pieno dell’autunno, i cuori fioriscono come se fosse primavera! Madre Mazzarello e le sue figlie coronano il sogno missionario: si parte per l’America!

La comunità mornesina respira a pieni polmoni lo spirito missionario che la orienta a testimoniare Gesù a tutte le latitudini, sotto tutti i cieli. L’andare oltre i confini conosciuti per incontrare nuovi popoli e culture caratterizza lo stile delle prime comunità di FMA, desiderose di portare l’annuncio più sorprendente e sconvolgente: la tenerezza del Dio-Amore.

E quali frontiere raggiungere? Quali confini attraversare? I confini non sono invalicabili, le culture e le religioni possono incontrarsi e dialogare; allargare lo sguardo, con i e per i giovani missionarie di gioia e di speranza, andare senza paura, pronti a collaborare, perché la Parola giunga fino ai confini della terra, perché a tutti siano garantiti la dignità umana e i diritti, per arrivare a “tutti, nessuno escluso”.

Con la benedizione del Santo Padre (9 novembre 1877) e la protezione di Maria Ausiliatrice, che tiene in braccio un Bambino sorridente, le prime missionarie Figlie di Maria Ausiliatrice, affrontano il grande viaggio.

“Il mattino del 14 novembre 1877, Don Bosco e Madre Mazzarello sono lì, al porto di Genova, a salutare, confortare e asciugare le lacrime che loro stessi a stento trattengono. Le suore partono con un bagaglio speciale: tanta fiducia in Dio, gioia per annunciare l’amore di Gesù, umiltà per accogliere nuove usanze e nuove culture, disponibilità a vivere di sacrifici, sapendo che il bene costa a tal punto da affrontare, se la situazione lo richiede, la croce e il martirio, nella convinzione che quando Dio chiede: chiede tutto!” (Cronistoria II, pp. 276 - 291).

La commozione è grande, le prime missionarie Figlie di Maria Ausiliatrice pregano e si congedano da quei volti, con cui hanno fino ad allora condiviso la vita. Altri cortili li attendono, altre imprese, alcune delle quali sono oggi patrimonio della nostra storia salesiana.

Da quel porto parte la prima spedizione missionaria.

Da quel porto ne partiranno altre negli anni successivi.

Da quel porto inizia una pagina di storia che, ancora oggi, continua ad essere scritta da tante Figlie di Maria Ausiliatrice in 93 paesi del mondo.

Da quel porto, l’invito di Gesù “Andate e predicate il Vangelo” (Mc 16, 15), si colora di salesianità. L’unico obiettivo della spedizione è quello di vivere con audacia e creatività, in parole e in azioni, il da mihi animas cetera tolle e il A te le affido.

E a quel porto vogliamo tornare, dopo 140 anni, per continuare a nutrire il sogno missionario di Don Bosco e Madre Mazzarello. Ritrovare il carisma delle origini dei Fondatori, i quali non temevano di uscire per le strade ad annunciare il Signore; rivestirsi di nuovo slancio missionario, di coraggio che non indietreggia di fronte alle difficoltà, di tenacia nel compiere la missione che Dio affida a ogni comunità educante.

«Chi segue Gesù è sempre in cammino, non può fare una vita comoda, “sedentaria”. Il fervore, il fuoco dello Spirito, quando c’è si vede, opera e attrae. Le vocazioni missionarie possono nascere solo dove c’è il fuoco che arde, dove vibra lo spirito da universo, come in madre Mazzarello e nella prima comunità di Mornese. Questo è stato il segreto dell’espansione del nostro Istituto e di tanti altri Istituti nella Chiesa» (Circ. n. 972).

“Uscire”, come comunità missionaria, mettendo a servizio talenti, creatività, saggezza ed esperienza per portare la Buona notizia del Vangelo fino ai confini della terra: «La vita si rafforza donandola e s’indebolisce nell’isolamento e nell’agio […] cresce e matura nella misura in cui la doniamo per la vita degli altri» (EG n. 10).

Blog

Circolare n. 972 “A 140 anni dal primo invio missionario”

Scrivi un commento
5 commenti
15/11/2017 04:03:11 - María Josefa Duran

Un día feliz en que hemos seguido soñando y mirando el futuro con caminos nuevos y abiertos para transitar, cada una en su tierra o en otras cercanas o lejanas, donde el amor al Señor nos lleve... La contemplación de este acontecimiento vivido por nuestras Hermanas nos anime cada día a seguir caminando esta historia hoy, y a seguir celebrando la entrega cotidiana.

14/11/2017 17:46:16 - Maria de Nazaré Gonçalves de Lima (Ir.)

Boas Festas a todas nós! Em especial às Hermanas do Uruguai, primeiro país a receber as nossas ardorosas PRIMEIRAS MISSIONÁRIAS! Quanta VIDA doada! Quanta Alegria e AMOR em saber que eram as primeiras de um SONHO que se concretizava na convivência fraterna... no Amor a Jesus e Maria... no desejo e convicção da MISSÃO RECEBIDA.... Demos Graças ao Senhor por estes 140 anos da Primeira Expedição Missionária! Como Comunidade Inspetorial, da Inspetoria Nossa Senhora da Paz/BCB enviamos nossos augúrios... GRATIDÃO... e o compromisso de continuar na dinâmica da conversão... fiéis a Espiritualidade Missionária! Sempre com Maria, nossos fundadores... as Juventudes ...construindo a Civilização do Amor, Paz e a Ecologia!

14/11/2017 15:09:09 - Sor Lina Maria Noreña Ocampo

Feliz fiesta!!! con gran alegría recordamos este hermoso día donde nuestras primeras hermanas llegaron a américa... con un equipaje lleno de audacia, fe... mejor dicho con todo el espíritu de mornes....Gracias!! gracias!! a todas las hermanas que cada día con su actitud misionera nos renuevan el corazón y nos impulsan a estar disponibles siempre para la extensión del Reino de Dios a los jóvenes... siendo misioneras de esperanza y alegría en donde nos encontremos.... tenemos una gran casa con muchas habitaciones como nos dice la Madre y esto nos hace expandir cada día más el corazón y las manos donde nos necesite este hermosa familia.... feliz fiesta para todas...

14/11/2017 06:59:51 - Teresa Joseph fma INB

United with the entire FMA World, I praise and thank God for the Missionary zeal that reigned at Mornese thanks to our dear Saint Mary Mazzarello and our First Sisters. "Don Bosco is a Saint, I can feel it" was a convinced affirmation that was translated into loving missionary commitment. As we thank God for the 140 Anniversary of the First FMA Missionary Expedition, we implore the Lord to give us courage and grace to live in a "permanent state of mission" among the young especially the needy, allowing our words, gestures and witness to be flavored by love, mercy and compassion as did Jesus the Missionary of the Father.

13/11/2017 22:48:03 - Sr Altagrace Mathias et Communauté de Marie Régine-Haiti

Le mot qui monte sur mes lèvres en ce moment est un Merci! Oui je dis merci au Seigneur pour le courage, la foi et l'humilité de ces soeurs qui font que aujourd'hui je peux à mon tour répondre à l'appel du Seigneur... Que leur premier oui puisse continuer à etre ce bon ferment qui fait lever encore plus haute la pate de la flamme missionnaire dans le coeur de chaque FMA. Bonne fete à chacune!