La Madre in visita al Museo della Pace - MAMT

Napoli (Italia). La Superiora generale dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA), Madre Yvonne Reungoat, dal 9 al 14 novembre 2017 è in visita alle Comunità del Sud Italia nell’Ispettoria Madonna del Buon Consiglio (IMR). Giovedì 9 novembre, durante la visita ai locali del Museo di Napoli – MAMT, ha ricevuto il Premio Mediterraneo di Pace 2017; alla sua presenza si è svolta la celebrazione di inaugurazione della Sala Madre Mazzarello e della collocazione della Reliquia della Santa nella Cappella Don Bosco, inaugurata nel giugno 2017 alla presenza del Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime.

Madre Yvonne è stata accolta al Museo della Pace dal Presidente della Fondazione Mediterraneo, Dottor Michele Capasso, dall’Ispettrice Suor Maria Rosaria Tagliaferri e dalle FMA e giovani provenienti dall’Italia meridionale, dall’Albania e da Malta (IMR).

Il primo momento è stato l’assegnazione a Madre Yvonne Reungoat del PREMIO MEDITERRANEO DI PACE 2017. Dopo un breve momento di presentazione del Museo e della missione della Famiglia Salesiana e delle Figlie di Maria Ausiliatrice nel mondo, viene consegnato alla Madre il Totem della Pace, opera dello scultore Mario Molinari. Il riconoscimento è stato consegnato dal Presidente Michele Capasso, dalla direttrice Maria Pia Balducci Molinari e da Fallou, un giovane rappresentante dei migranti.

Si è, poi, svolta la solenne cerimonia di benedizione della Sala del Museo della Pace - MAMT dedicata a Santa Maria Domenica Mazzarello, cofondatrice delle FMA. Don Mario Maritano, SDB, ha presieduto la cerimonia. Madre Yvonne ha espresso parole di apprezzamento per il Presidente Capasso e per la Fondazione Mediterraneo, per lo spirito creativo e per la profonda spiritualità, in quanto la sala Madre Mazzarello, insieme alla Sala Don Bosco, completa la presenza dell’intera Famiglia Salesiana al Museo della Pace, dove saranno fruibili video, testimonianze e documenti dell’Istituto delle FMA, presenti in 93 Paesi del mondo.

Nella Cappella don Bosco si è svolto anche un breve momento celebrativo di preghiera, evocativo dello spirito mornesino delle origini con la cerimonia di deposizione della Reliquia di Santa Maria Domenica Mazzarello, fondatrice delle FMA da parte di Madre Yvonne che ha ancora espresso parole di gratitudine e di gioia per la significatività dell’opera a favore del dialogo interreligioso e della pace. Un momento di intensa spiritualità con le FMA che, tra canti e preghiere, hanno accompagnato la ritualità della cerimonia.

La Madre ha detto: «Don Bosco e M. Mazzarello hanno capito che la rigenerazione della società partiva dai giovani, nel nome di Gesù; la fede in lui, la fiducia, l’amore li ha portati a fondare questa grande famiglia non per se stessa, ma nella Chiesa per la società e per il mondo. Auguro che tanti giovani, possano visitare questo luogo e vivere una vera esperienza che trasformi la loro vita, per irradiare un messaggio di amore e di pace, di gioia; perché possano essere convinti che a partire dal cuore di ogni persona, si trova la forza per trasformare il mondo, perché Gesù è presente. Auguro che questo luogo di alta significatività, perché c’è tutto il mondo, possa essere frequentato da tanti giovani del meridione, e non solo perché è un luogo d’incontro delle religioni, delle culture e dei popoli. Auguro che si possa essere comunicatrici di questo bel mondo e ripartire con nuovo slancio e dinamismo creativo».

M. Yvonne ha poi fatto visita al MUSEO. Particolarmente toccanti le visite alle sezioni dedicate a “Molinari, scultore del colore”, “Voci dei Migranti”, “Madre Teresa di Calcutta”, “Don Diana”, “Raffaele Capasso” e a quella dedicata alle donne, artiste arabe intitolata “Stracciando i veli”. Suggestiva anche la visita nella Moschea, nella Sinagoga e nelle salette dedicate a San Giovanni Paolo II e San Pio da Pietrelcina.

La Madre ha qui incontrato i giovani di alcune scuole FMA, intrattenendosi con loro ed offrendo in dono un’ancora, simbolo di un futuro di pace e di cooperazione.

La Madre ha proseguito la visita, e si è recata a Torre Annunziata, nella Casa di Spiritualità Villa Tiberiade dove ha partecipato alla Celebrazione Eucaristica presieduta dall’Ispettore dei Salesiani Don Angelo Santorsola. Ha poi incontrato le animatrici di comunità e le sorelle del Consiglio Ispettoriale.

Nel pomeriggio del 10 novembre, nella casa Madre Mazzarello, nel quartiere “Cuparella”, una delle periferie più povere del territorio torrese, la Madre ha incontrato le comunità educanti, laici, religiosi/e, membri della Famiglia Salesiana e giovani delle case delle Regioni Campania e Basilicata, per un incontro fraterno, di dialogo-confronto, di festa insieme.

Proseguirà gli incontri nelle Regioni della Puglia e della Calabria (Italia).

Foto

Sito Web Museo della Pace

Sito Web Fondazione Mediterraneo

FB - MAMT

Video Deposizione della Reliquia di Madre Mazzarello

Scrivi un commento
1 commento
12/11/2017 07:12:44 - sr anna avenia

Carissime tutte, è stato un evento straordinario conferire alla Madre il “Premio Mediterraneo di Pace 2017" da parte della fondazione MAMT - Museo della pace - Napoli. Siamo state avvolte da una profonda esperienza spirituale, culturale e carismatica. Le FMA lavorano in tutto il mondo a favore della pace, nei diversi contesti culturali e religiosi per l'educazione dei giovani e della promozione della donna. A buon diritto possono avere "cittadinanza" in un luogo internazionale il cui scopo è quello di favorire una cultura di pace, del rispetto della persona e dell' impegno per l' amore. La parola risuonata "in queste ore" è SPERANZA. Noi crediamo che il bene trionfa su tutto. Niente è impossibile a chi è aperto allo Spirito, basta lasciarsi guidare e i gesti di futuro sono già iscritti nel presente della storia. Visitate il Museo... e capirete cosa vuol dire essere cittadine del mondo!


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.