Istituto Figlie di Maria Ausiliatrice
Via Ateneo Salesiano, 81 - 00139 Roma
Anno LXXXII - Newsletter N. 14 - 6/4/2012


INFONLINE
NEWS
6.4.2012 - Catania (Italia). “Face to face”…a confronto con la Parola
5.4.2012 - Rocca di Papa (Italia). GMG 2013 Rio de Janeiro: a Rocca di Papa l’Incontro Internazionale
4.4.2012 - Natal  (Brasile). Brasile: le lettere, di carta e inchiostro, ritornano ai lettori
3.4.2012 - Ostrów Wielkopolski  (Polonia). Il significato del nostro carisma nella vita dei laici

www.cgfmanet.org
PRIMO PIANO
5.4.2012 - Auguri Pasquali 2012
2.4.2012 - Quaranta giorni con gli ultimi…
SPAZIO GIOVANI - NOVITA'
5/4/2012 - Novedad precede JMJ Rio 2013: la semana misionera
2/4/2012 - Correct Use of the World Youth Day 2013 Logo

Le notizie da Infonline
INFONLINE - NEWS
6.4.2012 - Catania (Italia). “Face to face”…a confronto con la Parola ^ Top ^
“Face to face”…a confronto con la Parola Dal 31 marzo al primo aprile 2012 si è tenuta la seconda tappa del percorso formativo “Face to Face”. Il percorso, rivolto ad alcune ragazze e alle juniores dell' Ispettoria sicula Madre Morano, ha come scopo quello di sostenere le giovani nel loro cammino vocazionale approfondendo alcuni temi tra i quali: rileggere la propria storia alla luce della Parola; ad allenare l'anima al silenzio, al discernimento e alla preghiera; compiere scelte di vita coraggiose e testimonianti per dare “cuore e gambe” al progetto unico e originale che Dio ha per ciascuna.

La prima parte del pomeriggio di sabato ha visto le partecipanti impegnate nel confrontarsi con la regola di vita. Suor Luisa Nicolosi, attraverso alcune dinamiche, ha dato continuità a quanto già affrontato nel primo incontro, fornendo strumenti sempre più concreti per accompagnare le giovani ad essere protagoniste nella costruzione di un sano e soprattutto santo progetto di vita. Don Domenico Paternò ha animato la celebrazione penitenziale invitando le presenti ad abbandonare ogni paura perché l'amore di Dio è un fatto certo, di cui non dobbiamo mai temere che venga meno. Il momento di fraternità, animato da suor Enza Iacona, ha visto suore e ragazze con suor Anna Razionale e suor Maria Pisciotta impegnate in una allegra sfida canora. Nel messaggio di buona notte suor Anna ha ricordato che tutta l'allegria e la gioia che si trova nei cuori sono segno di “un cuore che ama tanto il Signore” e che è proprio da qui che man mano prende vita e concretezza la nostra interiorità. La serata si è conclusa con la celebrazione Eucaristica. Domenica suor Ermelinda Ardita ha animato un discorso nel quale si mettevano a confronto l'esperienza delle giovani e il Battesimo di Gesù. Il silenzio e la preghiera personale hanno caratterizzato la prima parte della mattinata, che si è conclusa con una ricca condivisione della Parola e la celebrazione Eucaristica. Non sono mancati i fuori programma; le ragazze presenti hanno organizzato un “processo alla vocazione” in cui le suore dovevano rispondere a domande inerenti la loro storia vocazionale. Il prossimo appuntamento si terrà dal 19 al 20 maggio 2012.


5.4.2012 - Rocca di Papa (Italia). GMG 2013 Rio de Janeiro: a Rocca di Papa l’Incontro Internazionale ^ Top ^
GMG 2013 Rio de Janeiro: a Rocca di Papa l’Incontro Internazionale Dal 29 marzo al 1 aprile si è svolto presso il Centro Mondo Migliore, a Rocca di Papa, l'Incontro Internazionale sulla Giornata Mondiale della Gioventù: Madrid 2011 – Rio 2013 organizzato dal Pontificio Consiglio per i Laici. Hanno partecipato circa 300 persone provenienti da 98 paesi dei cinque continenti. Essi rappresentano l'ufficio per la pastorale giovanile delle conferenze episcopali di tutto il mondo e movimenti giovanili e nuove comunità. Anche il Movimento Giovanile Salesiano ha preso parte all'incontro.

Dopo il saluto del Card. Stanislaw Ryłko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, durante il primo giorno di lavori si è fatto il punto sulla GMG 2011 di Madrid. I rappresentanti del comitato organizzativo di Madrid con a capo il Card. Antonio María Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid, hanno presentato un'analisi degli aspetti organizzativi e pastorali dell'evento e il suo impatto sulla diocesi di Madrid e sulla pastorale giovanile dell'intera Spagna. È emerso che la GMG ha portato una ventata d'aria fresca alla chiesa spagnola e una rinnovata e interiorizzata consapevolezza della cattolicità della Chiesa.

I rappresentanti dei cinque continenti hanno poi condiviso l'impatto pastorale della GMG nella loro nazione.

Il giorno 30 il comitato organizzatore ha discusso sulle ragioni, le sfide e le aspettative di questa nuova tappa delle Giornate Mondiali. Presente durante quest'incontro Orani João Tempesta, Arcivescovo di Rio de Janeiro, che ha cordialmente invitato tutti i presenti a far sì che più giovani possibile partecipino alla GMG 2013. È emerso anche che la GMG 2013 sarà caratterizzata dal tema della missione.

Il giorno 31 i partecipanti hanno preso parte alla riflessione sul tema “ Formare i giovani: una missione prioritaria della Chiesa”. La riflessione è stata arricchita dag li interventi di mons. Josef Clemens, Segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, e di don Fabio Attard, SDB, Consigliere generale per la pastorale giovanile. Per concludere la riflessione, i partecipanti hanno dato il loro contributo presentando gli itinerari che ciascun Movimento o gruppo offre per la formazione dei giovani.

L'Incontro Internazionale ha avuto come culmine la partecipazione alla S. Messa della Domenica delle Palme presieduta da Benedetto XVI in piazza San Pietro con la celebrazione della Giornata Mondiale della Gioventù della diocesi di Roma.


4.4.2012 - Natal  (Brasile). Brasile: le lettere, di carta e inchiostro, ritornano ai lettori ^ Top ^
Brasile: le lettere, di carta e inchiostro, ritornano ai lettori Nel mese di marzo la professoressa Risalva Macedo, docente di Lingua Portoghese presso L'istituto Maria Ausiliatrice di Natal insieme alla coordinatrice pedagogica Fatima Guilmo, ha realizzato il progetto “lettera al lettore”. Il progetto è stato sviluppato in classe assieme agli studenti dell'ottavo anno. Lo scopo del progetto è quello di educare i giovani a saper usare correttamente lo strumento della lettera per comunicare con gli altri.

La prima fase del progetto è stata quella di raccolta delle lettere conservate dalle famiglie degli studenti e scritte dai genitori dai nonni dagli zii, o anche da poeti e scrittori. Una volta portate in classe le lettere sono state lette e attentamente studiate in modo da poter avere un'idea su quale sia il modello da seguire per scrivere una lettera.

Una volta appreso il modo in cui le lettere vanno impostate tutti gli studenti sono stati portati all'ufficio postale per conoscere le varie tipologie di buste e i vari modi per inviare la propria posta.


3.4.2012 - Ostrów Wielkopolski  (Polonia). Il significato del nostro carisma nella vita dei laici ^ Top ^
Il significato del nostro carisma nella vita dei laici Dal 23 al 25 marzo ad Ostrów Wielkopolski (Polonia) si è svolto l'incontro “Identità carismatica – la costruzione della comunità educante che si forma, programma e agisce insieme” destinato agli insegnanti e al personale laico delle scuole materne delle fma dell'Ispettoria PLA.

A dare il via ai lavori l'Ispettrice Halina Lewandowska, la quale nel suo saluto alle partecipanti ha sottolineato il valore della formazione insieme, attraverso la conoscenza della figura di don Bosco e del suo sistema preventivo.

In riferimento alle parole dell'Ispettrice sul significato del carisma nella vita dei laici come nella vita religiosa, suor Leokadia Pyzio ha invitato a riflettere sulle parole di San Paolo rivolte a Timoteo: “Non trascurare il dono di Dio che è in te...” (1 Tim 4, 14).

Durante la Lectio Divina le partecipanti hanno cercato di rispondere ad alcune domande: qual è il mio personale carisma? Qual'è il carisma della comunità educante che creiamo? Qual è il mio insegnamento? A cosa devo rivolgere l'attenzione quando mi relaziono ai bambini?

È seguito il Laboratorio “Pensare come don Bosco” guidato da suor Magdalena Giera. Nel quale oltre a guardare e apprendere l'insegnamento di don Bosco attraverso le sue parole e la sua attività, le partecipanti hanno potuto confrontare il loro lavoro e il loro operato attraverso il prisma dei valori salesiani. Partendo dal sogno di don Bosco bambino, le insegnanti hanno provato a riportare quel sogno nel contesto educativo di oggi: qual è il mio campo di lavoro? Quali metodi usare? Che cosa è la sorgente della formazione e dell'ispirazione?

A concludere la tre giorni la riflessione sulla Parola della Lettera di Timoteo, mostrando la sua attualità e il suo valore nella vita e nel lavoro.

Alla fine dell'incontro le partecipanti hanno sottolineato la dinamica dell'incontro che era diversificata e modificata, il valore della preghiera comunitaria della Liturgia delle Ore e anche la ricchezza dei contenuti trasmessi e insieme lavorati.

La fine di marzo è stata caratterizzata anche da un altro appuntamento significativo per l'ispettoria polacca PLA: l'incontro, il 24 marzo 2012, delle suore giovani a Pieszyce.

Ventinove fma con meno di 10 anni di professione alle spalle si sono riunite per meditare sulla Lettera di S. Paolo ai Filippesi - "Sono stato conquistato da Gesù Cristo" proseguita dalla profonda riflessione sul primo cammino di conversione all'amore indicato dal Capitolo generale XXII: “Essere memoria vivente del modo di esistere e di agire di Gesù”.

La condivisione dei contenuti e delle esperienze è stata affrontata insieme a Suor Carla Castellino, Consigliera Visitatrice e Suor Halina Lewandowska, Ispettrice le quali hanno ribadito la necessità di mettere Gesù al centro della vita, della missione, e l'esigenza della continua purificazione del cuore e del rinnovamento nell'amore.


Le notizie da www.cgfmanet.org
www.cgfmanet.org - Primo piano
5.4.2012 - Auguri Pasquali 2012 ^ Top ^

Auguri Pasquali 2012 Carissime sorelle,

ci prepariamo a celebrare la Pasqua di questo anno 2012: un anno denso di eventi ecclesiali e di Istituto. Alla luce delle risurrezione essi possono trovare il loro significato più vero e profondo.

La Pasqua non è mai un evento del passato, ma una realtà attuale nella vita della Chiesa che ci coinvolge nel nostro presente, tocca la nostra esistenza, ci permette di sperimentare la presenza di Gesù realizzando un vero incontro con Lui. Solo incontri veri trasformano la nostra vita e la aprono alla novità della Pasqua!


adsl | modem | formato testo

Effettivamente, soltanto se incontriamo Gesù risorto nella nostra vita, se camminiamo con Lui riconoscendolo sulle nostre strade, se la nostra vita è un susseguirsi di risposte alle sue chiamate sempre nuove, sapremo rendere la risurrezione davvero attuale.

La Pasqua ci fa sperimentare che Gesù è vivo ed annuncia la buona notizia per eccellenza, quella su cui si fonda la nostra fede: «Io sono risorto e sono con te».
«Rendere presente la risurrezione significa vivere personalmente in essa e di essa. Questo può avvenire in modo giusto solo se conosciamo il Risorto»....

Buona Pasqua a tutte voi, care sorelle, ai vostri familiari, ai nostri Fratelli salesiani, e agli altri gruppi della Famiglia salesiana, alle comunità educanti, e ai giovani in particolare.

Con questo messaggio intendo anche ricambiare i numerosi auguri che mi sono pervenuti.

Madre Yvonne Reungoat




www.cgfmanet.org - Primo piano
2.4.2012 - Quaranta giorni con gli ultimi… ^ Top ^

Quaranta giorni con gli ultimi…

“Quaranta giorni con gli ultimi” è il titolo della campagna promosso per la quaresima 2012. Nato nel 2009, questo progetto ha come scopo quello di raccontare e al contempo far riflettere su quanto accade nei paesi meno sviluppati del mondo. Un modo per vivere il periodo quaresimale in maniera solidale, accrescendo la consapevolezza di tutti su ciò che accade nei paesi “Ultimi”. Quest'anno il tema principale è stato quello dei diritti umani delle persone che vivono nei paesi con il più basso Indice di sviluppo umano, secondo i dati del rapporto annuale 2011 del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (Undp).

Diritto alla vita, alla giustizia e alla libertà rappresentano i tre principi sui quali si basa la riflessione moderna riguardante i diritti dell'uomo. Partendo da ciò, gli autori della campagna hanno deciso di parlare di ciascun paese collocandolo all'interno di tre grandi tematiche corrispondenti al diritto maggiormente negato: degrado della vita, mancanza di giustizia e perdita di libertà.

Per ogni giorno della quaresima è stato pubblicato sul sito (/http://www.40ultimos.org/), e sui vari social network ad esso collegato, un file con le notizie riguardanti un paese diverso. Oltre alle testimonianze nel file viene riportato un testo giuridico “firmato e ratificato”, ripreso dalla fonte legislativa universale dell'ONU. Segue un commento “Dai diritti ai fatti” nel quale vengono riportate le varie azioni intraprese, a livello locale e internazionale, nel campo dei diritti nel paese in questione. Conclude il file una piccola preghiera.

Si è partiti il 22 febbraio con la Nigeria dove è il diritto alla vita quello maggiormente a rischio e dove, in particolare, viene vessato il diritto ad un'alimentazione adeguata. In ciascun paese preso in esame viene presa in considerazione la violazione di un diritto diverso: si parla di diritto alla prevenzione e al trattamento dell'HIV in Zambia e di diritto all'educazione in Etiopia, di diritto alla presunzione di innocenza in Benin e diritto di voto delle donne e di partecipazione alla vita politica Afghanistan fino ad arrivare al diritto di tutti i bambini ad essere protetti in Senegal e Burundi.

La campagna, promossa dai religiosi marianisti, si è conclusa il primo aprile con la scheda sulla Repubblica Democratica del Congo e il diritto dovere di promuovere i diritti umani.

Molti sono coloro che hanno seguito, grazie a Internet, questa campagna solidale. La consapevolezza che esistano nel pianeta zone estremamente povere di diritti è il primo passo per aiutare gli ultimi a diventare primi.




www.cgfmanet.org - Spazio Giovani
5.4.2012 - Novedad precede JMJ Rio 2013: la semana misionera ^ Top ^

Novedad precede JMJ Rio 2013: la semana misionera En un artículo el P. Jefferson Gonçalves, encargado del sector Pre-Jornada, compartió desde Roma una innovación para la JMJ Rio2013: el período antes llamado de “Días en las Diócesis” o “Pre-Jornada” ahora llevará el nombre de Semana Misionera. En ella jóvenes de todo el mundo estarán divididos en diócesis a lo largo de Brasil entre los días 17 a 20 de julio de 2013 disponiéndose para el evento con el Papa con una programación que incluye actividades espirituales, solidarias, misioneras y culturales.

Después de estas fechas, los jóvenes extranjeros y brasileños empezarán a desplazarse hacia la ciudad de Rio para la JMJ que tendrá lugar entre los días 23 28 de Julio. Según afirma el sacerdote brasileño se espera que la Semana Misionera quede como un legado del evento en Rio para las posteriores JMJs.

La decisión ha sido tomada por el Cardenal Stanislaw Rylko - presidente del Pontificio Consejo para los Laicos – durante su visita a Rio de Janeiro en febrero de este año.

El Cardenal “concordó que la Semana Misionera tenga un fuerte carácter misionero, siguiendo la línea del Documento de Aparecida. Así, anhelamos dejar como legado para las demás jornadas, este momento que conduce el joven a un discipulado misionero”, afirmó el sacerdote en su artículo.

La propuesta de la semana misionera para los jóvenes peregrinos extranjeros es que, llegando a Brasil, vivan intensamente la realidad local, en unión con toda la Iglesia de Brasil. Durante este tiempo, todas las diócesis seguirán una programación común fundada sobre tres pilares: espiritualidad, solidaridad misión y cultura. “Esto vale también para los diócesis que no tendrán la presencia de jóvenes extranjeros”, añade P. Jefferson.

Para preparar bien la Semana Misionera con los fieles de las diócesis brasileñas será preciso “involucración en la formación de grupos de voluntarios, la acogida de los peregrinos, entre otros aspectos que estos días demandarán”, frisó el encargado del sector Pre-Jornada.

Padre Gonçalves, compartió también que luego del inicio de los trabajos de la JMJ Rio2013, “una de las primeras necesidades que verificamos como comisión junto al Pontificio Consejo para los Laicos, era que, a lo largo de todo nuestro trabajo hasta la Jornada Mundial de la Juventud, dejásemos distintos tipos de legados y que los frutos de ese evento favoreciesen la Iglesia en todo el mundo”.

“Con esta responsabilidad, iniciamos una grande preparación nacional rumbo a la JMJ Rio2013 cuando los símbolos de la JMJ (la Cruz y el ícono de Nuestra Señora) arribaron a Brasil, venidos directamente de Madrid”, afirmó.

P. Jefferson destaca también la positiva experiencia de recibir los símbolos de la JMJ como parte del esfuerzo por disponer bien los jóvenes brasileños para el evento mundial en Rio.

“La peregrinación de los símbolos de la JMJ por el país ha ganado gran repercusión en las redes sociales y favorecido un fortalecimiento de las comunidades. No hablo apenas de la realidad juvenil, pero de la Iglesia en Brasil”, resaltó.

“Por donde pasan los símbolos, vemos un rastro de testimonios emocionados y de experiencias positivas. El propio Pontificio Consejo para los Laicos, cuyo Comité Central está en el Vaticano, está sorprendido con la repercusión generada por este peregrinaje en cada estado del país. En la historia de las jornadas la Cruz y del Icono de Nuestra Señora jamás han sido cargados por tantos jóvenes en un único país, llegando hoy a más de un millón de ellos”.

“Tenemos que destacar que aún no llegamos ni siquiera a la mitad del trayecto a ser cumplido” por el peregrinaje de la Cruz y el ícono, concluye el sacerdote encargado de la Semana Misionera que en estos días se encuentra en Roma junto a otros miembros del COL (Comité Organizador Local) de la JMJ para una serie de reuniones con miembros del Pontificio Consejo para los Laicos y representantes de conferencias episcopales y comunidades de todo el mundo para hablar sobre a JMJ Rio 2013, entre otros temas.

En diálogo con la agencia ACI Prensa, Raphael Fritz del sector Pre-Jornada de la JMJ Rio 2013 afirmó desde Rio de Janeiro que ya hay un plan de sugerencias para las diócesis para las actividades en los campos de espiritualidad, acción social y cultura que será ejecutado por cada una de ellas de acuerdo a sus distintas realidades.

Raphael también compartió con ACI Prensa que los peregrinos que lleguen a Brasil para la Semana Misionera, siguiendo el modelo fijado para la JMJ de Rio de Janeiro, estarán alojados en casas de familia.

“El hospedaje en casas de familia tiene un apelo social más cercano que otro tipo de acomodación. La Semana Misionera tiene por objetivo que el joven sea protagonista del evento, y esto implica conocer la realidad de las familias donde se hospeda hasta la realidad social de la diócesis que lo acoge”, concluyó.

http://www.rio2013.com/es




www.cgfmanet.org - Spazio Giovani
2.4.2012 - Correct Use of the World Youth Day 2013 Logo ^ Top ^

Correct Use of the World Youth Day 2013 Logo The World Youth Day office in Rio de Janeiro has released guidelines for the proper use of the WYD2013 logo. So if you are responsible for updating your parish website, blog page - or you simply want to use the WYD logo for promotions or on your social network pages, make sure you take a look at these guidelines! Visit www.rio2013.com to download the guidelines.

xt3.com

(Images show versions of the Logo in foreign languages)

wyd