Storia

approfondimento amministrazione L'attenzione alla dimensione economica in senso ampio è sempre stata presente fin dagli inizi dell'Istituto in Don Bosco e in Maria Domenica Mazzarello, nell'esercizio di una cittadinanza attiva, in un contesto storico segnato dalla povertà e nella conseguente scelta educativa in favore delle giovani povere. Una visione di economia, secondo i tempi e i contesti, che ha sempre saputo correlare l'attenzione alle singole persone e il bene della comunità religiosa e civile, l'intraprendenza e l'etica nelle scelte quotidiane e di futuro.
In questa ottica, il servizio prestato dall'Economato generale, ha cercato di coniugare fin dall'inizio indicazioni pratiche a livello amministrativo-contabile e proposte di riflessione e di lettura della realtà per vivere, dipendenza e appartenenza all'Istituto, alla Chiesa nella variegata e complessa realtà mondiale.
L'ambito dell'Amministrazione si configura come tale nel 1990, a partire dal Capitolo generale XIX e assume uno stile di animazione in stretta interdipendenza con gli altri ambiti.

Identità
Nella convinzione che l'economia è trasversale alla vita e all'educazione, l'ambito dell'Amministrazione si impegna in fedeltà al carisma e in dialogo con le istituzioni civili e religiose:

  • a potenziare una nuova visione di economia, fondata sulla scelta di un'antropologia solidale che pone al centro la persona e ne promuove dignità e creatività, capacità di lavoro solidale;

  • a sollecitare a livello educativo il passaggio dall'assistenzialismo alla partecipazione e alla comunione solidale;

  • a coscientizzare e prendere posizione contro le cause della povertà e dell'emarginazione attraverso la promozione di un'economia non competitiva e capitalista, ma sociale e solidale;

  • a stimolare, attraverso l'animazione ispettoriale, nella vita di ogni giorno scelte di austerità, di vita sobria, povera, semplice ed essenziale, a livello personale e comunitario.